Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 20:03 - Lettori online 1050
RAGUSA - 07/02/2013
Cronache - La denuncia del presidente del Parco Commerciale "Isole Iblee"

Allarme furti: oltre un milione di danni alla zona industriale

Nonostante l’impegno delle Forze dell’Ordine la malavita tiene sotto sacco le aziende. Ben 63 prese di mira negli ultimi tre anni Foto Corrierediragusa.it

Le cifre parlano da sole. La zona industriale è sotto tiro della malavita che, nonostante i controlli delle Forze dell’ordine, riesce a mettere a segno colpi con regolare continuità Negli ultimi tre anni sono state infatti prese di mira 63 aziende, 97 i colpi consumati; eclatante a questo proposito il fatto che un’azienda del settore alimentare sia stata presa di mira ben quattro volte in meno di due anni. Secondo il presidente del Parco Commerciale «Isole Iblee», Giovanni Corallo, i danni ammontano ad un milione 55 mila euro tra beni danneggiati e trafugati e denaro rubato.

Dice il presidente Corallo: « Sono cifre pesanti perché basta soltanto pensare che tutte queste risorse economiche sono affluite nelle mani delle malavita e che sono servite a innescare ulteriori e più preoccupanti fenomeni di delinquenza. Ad ogni modo, sottolineiamo il costante impegno delle forze dell’ordine che, soprattutto negli ultimi tempi, hanno cercato di sventare alcune azioni criminali».

Ultimo in ordine di tempo il fermo e la denuncia di due cittadini stranieri che a bordo di un camion erano pronti ad entrare in azione. Oltre alla criminalità da cui le aziende si devono difendere esiste una seconda criticità che deriva dall’abbandono in cui viene lasciata a zona industriale. «Isole Iblee» è pronta a mettere di fronte alle proprie responsabilità l’Asi, oggi confluito nell’Irsap regionale, perché non vengono programmati investimenti per migliorare la funzionalità, il decorso e la stessa sicurezza di tutta la zona industriale.