Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:55 - Lettori online 1414
RAGUSA - 29/03/2008
Cronache - Ragusa - L’extracomunitario ha minacciato la vittima con un coltello

Rapina un pensionato in casa:
albanese 18enne in manette

Il malvivente si era arrampicato fino al primo piano, rompendo il vetro di una finestra per penetrare nell’appartamento Foto Corrierediragusa.it

Aveva aggredito nel sonno un pensionato ragusano di 67 anni, rapinandolo di sole 100 euro nella sua stessa abitazione dopo averlo anche minacciato di morte con un coltello. L´albanese Erjon Cela (nella foto), 18 anni appena ma già violento all´inverosimile, non si era fatto mancare proprio nulla per finire dritto filato in cella. Le manette sono difatti scattate ad opera dei Carabinieri poche ore dopo il fattaccio.

Dopo la dettagliata descrizione fornita dalla vittima, i militari sono risaliti a tempo di record all´albanese, che vanta una fedina penale lunga un chilometro nonostante la giovane età.

Per introdursi nell´abitazione del pensionato nel cuore della notte, Cela si era arrampicato con l´agilità di un gatto fino al primo piano, dove aveva rotto con un pugno il vetro di una finestra per sgattaiolare nell´appartamento.

Raggiunta la camera da letto, l´albanese si è incappucciato per coprirsi il volto e ha svegliato di soprassalto il 67enne, rischiando peraltro di fargli prendere un colpo e, sotto la minaccia del coltello, si era fatto indicare il cassetto che conteneva il contante.

Ma l´anziano, sfoderando un´insospettabile coraggio che ha colto di sopresa anche il malvivente, gli si è avventato contro, riuscendo a sfilargli il cappuccio per vederlo bene in faccia. Cela, dopo aver strattonato la vittima, se l´è filata di gran carriera.

Ma la memoria visiva dell´audace 67enne si è rivelata cruciale per il buon esito delle indagini. Comparando l´identikit con le foto segnaletiche dell´archivio, i Carabinieri hanno impiegato ben poco risalire all´identità dell´albanese, ammanettandolo poco dopo nello squallido monolocale in cui viveva.