Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:23 - Lettori online 1016
RAGUSA - 31/01/2013
Cronache - Incessante lavoro della polizia per catturare i latitanti

"Boarding pass": altri 4 arresti

Gli arrestati sono stati rinchiusi rispettivamente nel carcere di Rebibbia e a San Vittore Foto Corrierediragusa.it

Sono stati arrestati dalla polizia, in due operazioni portate a termine rispettivamente nell´aeroporto di Fiumicino e a Milano, quattro somali che erano riusciti a sottrarsi all´arresto nell´operazione ´Boarding pass´, del 15 gennaio scorso, su tutto il territorio italiano nei confronti di 48 persone, ritenute componenti di un´organizzazione criminale transazionale specializzata nell´immigrazione clandestina, dall´Africa attraverso l´Italia e verso gli stati del Nordeuropa. Gli arrestati sono Mohamed Muhudiin Dhiblaawe, 38 anni; Cabdisalam Muumin Guure, 25; Umor Abdi, 28, ai quali è stata notificata un´ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal gip Sebastiano Di Giacomo Barbagallo, su richiesta del procuratore della Repubblica a Catania, Giovanni Salvi, e del sostituto procuratore Lucio Setola.

Muhudiin Dhiblaawe è stato bloccato da agenti della polizia di frontiera dell´aeroporto di Fiumicino, mentre rientrava in Italia da Goteborg (Svezia). Muumin Guure e Abdi, benché residenti a Torino, sono stati arrestati a Milano in una struttura ricettiva del centro di storico, alla quale si erano appoggiati per rendersi irreperibili. Muumin Guure è stato trovato in possesso di documenti di altri cittadini somali, dei quali non ha saputo giustificare il possesso, ed è stato anche denunciato per ricettazione. I due avrebbero avuto il compito preciso di preparare i ´programmi´ per i clandestini e di nasconderli. Gli arrestati sono stati rinchiusi rispettivamente nel carcere di Rebibbia e a San Vittore.