Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:27 - Lettori online 812
RAGUSA - 11/01/2013
Cronache - Operazione della sezione volanti

Furto in cantiere edile con depistaggio

I ladri avevano agito in viale delle Americhe Foto Corrierediragusa.it

Gli uomini della Squadra Volanti della Questura di Ragusa hanno arrestato per furto aggravato l´albanese Romeo Jhao, 36 anni, e il romeno Cristian Sabin Ardelean, 46 anni, entrambi residenti a Ragusa e noti alle forze dell’ordine.

Un agente della Polizia libero dal servizio, telefonava al «113» per segnalare delle persone sospette che si aggiravano in viale delle Americhe, nei pressi di un cantiere edile.

Gli agenti della Squadra Volante, giunti immediatamente sul posto, notavano, all’interno del cantiere edile segnalato, un furgone parcheggiato con il portellone laterale aperto; inoltre due persone, vedendo i poliziotti, si davano a precipitosa fuga. Dopo un rocambolesco inseguimento, i due malviventi riuscivano momentaneamente a far perdere le proprie tracce, ma erano stati riconosciuti.

Veniva accertato che gli autori del reato avevano forzato il sistema di chiusura del cantiere ed avevano già caricato sul furgone tantissimi attrezzi da carpenteria indispensabili per poter continuare i lavori.

Mentre erano ancora in corso le ricerche dei due fuggiaschi, gli stessi si recavano presso un Ufficio di Polizia e dichiaravano di aver subito il furto del furgone rivenuto all’interno del cantiere, al fine di sviare le indagini; il personale operante, che nel frattempo si era recato presso l’Ufficio di Polizia, riconosceva subito i due soggetti per gli autori del furto in argomento e, pertanto, gli stessi venivano tratti in arresto per furto aggravato in concorso; inoltre, relativamente alla loro volontà di sviare le indagini, entrambi sono stati denunciati per simulazione di reato.

Tutta la costosa refurtiva recuperata veniva immediatamente restituita al titolare del cantiere che, nel frattempo, si era recato presso la Questura di Ragusa, per sporgere denuncia.