Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 2 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:28 - Lettori online 1241
RAGUSA - 14/12/2012
Cronache - "Il fatto non è previsto dalla legge come reato" la motivazione del Gip

Acquistarono online droga dall´Olanda, assolti

I due furono arrestati dalla Guardia di Finanza e l’uomo restò in carcere per due settimane prima della concessione della libertà

Acquistare droga on line per fini personali non è un reato. Soprattutto se manca la prova della volontà degli acquirenti di vendere la sostanza stupefacente a terzi. Un professionista ragusano di 30 anni, G. C., ed una donna di 29, E.T., sono stati assolti dal giudice delle indagini preliminari del Tribunale, Giovanni Giampiccolo, con formula piena perché il «fatto non è previsto dalla legge come reato». Le indagini condotte dalla Guardia di Finanza portarono all’arresto dell’uomo che dopo due settimane fu scarcerato a seguito dell’istanza presentata dal proprio difensore al Tribunale della Libertà; la donna invece aveva avuto i benefici dei domiciliari.

I due avevano acquistato nel marzo scorso un litro di «Ghb» proveniente dall’Olanda su un sito internet pagandolo regolarmente con carta di credito. La coppia era stata arrestata per concorso nella detenzione della sostanza chimica che provoca allucinazioni e danni pesanti al fegato pur assumendone poche gocce. Si tratta di un allucinogeno sintetico per il quale l’uomo aveva pagato 200 euro ed aveva fatto recapitare il pacco a casa della donna.

Il giudice ha accolto la linea difensiva che ha puntato sul fatto che l’acquisto era per uso personale e tutto era avvenuto alla luce del sole.