Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:18 - Lettori online 729
RAGUSA - 26/09/2012
Cronache - Un operaio di 50 anni ha utilizzato e attrezzato allo scopo la stanza del figlio

Coltiva marijuana in appartamento: un arresto

E’ stato arrestato dagli uomini della Sezione volanti allertati dalle segnalazioni dei vicini di casa Foto Corrierediragusa.it

Il figlio studia a Bologna e lui ne approfitta per utilizzare la sua camera per coltivare marijuana. E’ finito in carcere un operaio di 50 anni, Roberto Agosta, residente in città. Sono state alcune segnalazioni dei vicini di casa a mettere gli agenti della sezione volanti della Polizia, coordinati dal dirigente Antonino Ciavola, sulle tracce del traffico di droga che si consumava in un edificio della centralissima piazza Libertà. Qui erano molti i giovani a recarsi per rifornirsi di droga pensando ad un luogo sicuro e riservato. Gli agenti sono entrati in azione di primo mattino suonando alla porta dell’appartamento.

Nella camera da letto del figlio dell’uomo hanno trovato due armadi di tela, lampade fluorescenti, ventole per l’aerazione e le finestre della camera tappate, evidentemente per non dare sospetti all’esterno. La camera era un vero e proprio laboratorio con vasi e piante, di cui alcune in piena fioritura. La marijuana godeva delle migliori condizioni grazie anche al tasso di umidità garantito da un sistema di mantenimento della temperatura.

Gli agenti hanno anche trovato fertilizzanti professionali che sono stati utilizzati per garantire la migliore crescita delle piante. Queste erano alte un metro ed in alcuni vasi erano invece custoditi i semi e stupefacente essiccato. Il tutto per un valore di circa 15 mila euro come valore di mercato anche se l’uomo non ha mai dato nell’occhio ed ha tenuto sempre un comportamento molto defilato.

Nella foto un momento della conferenza stampa in Questura con il dirigente della Sezione volanti Antonino Ciavola