Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 2 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:28 - Lettori online 1162
RAGUSA - 25/09/2012
Cronache - Manette per il 30enne B.G.

Pizzaiolo installa serra per coltivare marijuana a Caucana

I militari, una volta giunti nei pressi dell’abitazione del ragusano, dopo aver suonato al campanello non ricevevano alcuna risposta. Dopo alcuni minuti, i carabinieri appostati nella parte posteriore dell’immobile notavano B.G. che cercava di scavalcare e di dileguarsi sui tetti Foto Corrierediragusa.it

I Carabinieri del Nucleo Investigativo di Ragusa hanno arrestato, in flagranza di reato, B.G. 30enne ragusano, coniugato, pizzaiolo. Durante un servizio predeterminato dal Comando Provinciale, indirizzato al contrasto dello spaccio di sostanze stupefacenti nella Provincia, Militari del Nucleo Investigativo procedevano ad una serie di perquisizioni che sfociavano nella individuazione a Caucana, frazione del comune di Santa Croce Camerina, di un’abitazione adibita, come una serra, alla coltivazione, lavorazione e successivo spaccio di marijuana.

I militari, una volta giunti nei pressi dell’abitazione del ragusano, dopo aver suonato al campanello non ricevevano alcuna risposta. Dopo alcuni minuti, i carabinieri appostati nella parte posteriore dell’immobile notavano B.G. che cercava di scavalcare e di dileguarsi sui tetti.

Dopo averlo bloccato, procedevano quindi alla perquisizione dell’abitazione rinvenendo una vera e propria piantagione di buone dimensioni. Sul terrazzo dell’appartamento venivano subito notate e rinvenute una decina di piante di marijuana dell’altezza di circa 2 metri, piantate in altrettanti vasi in plastica, nascoste da una serie di asciugamani disposti intorno.

All’interno di una stanza adiacente alla camera da letto venivano rinvenuti circa 15 rami di marijuana appesi ad un filo di nylon ad essiccare. L’arrestato aveva creato una vera e propria stanza per favorire l’essiccazione della marijuana per renderla fruibile. Le piante erano favorite nell’essicazione da una predisposizione di faretti ed di una stufa che fornivano calore oltre ad un sistema di ventilazione e un letto di carta stagnola. In un vano ingresso veniva rinvenuto un barattolo in vetro con all’interno delle sementi della stessa sostanza e un bilancino di precisione.

All’interno di un armadio e sul comò, della camera da letto, venivano altresì rinvenuti un altro barattolo in vetro, di circa 2 litri, con all’interno svariati grammi di sostanza stupefacente, sempre marijuana, essiccata e confezionata in un’unica busta di plastica trasparente, un bilancino di precisione elettronico, due coltelli entrambi con evidenti residui, sulla lama, di hascish. Durante la perquisizione personale al B.G. venivano trovati nel portafogli varie banconote per un ammontare di 2mila circa. Ulteriori indagini sono in corso al fine di identificare eventuali complici.

Nella foto i militari con le piante di marijuana sequestrate