Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 10:51 - Lettori online 1028
RAGUSA - 07/09/2012
Cronache - Nel mirino il gabinetto del Sindaco

Fondi servizi sociali Ragusa agli "amici"? C´è l´esposto

Il settore competente sarebbe stato esautorato

Il gabinetto del Sindaco assegna i fondi dei servizi sociali, l´opposizione al comune di Ragusa presenta esposto alla Procura. La denuncia, presentata a giugno dai consiglieri comunali di Pd e Idv, potrebbe rappresentare una tegola su Dipasquale. Secondo l´opposizione, era lo stesso ufficio di gabinetto del Sindaco a decidere chi e come doveva rientrare nei piani assistenziali.

Dopo aver stipulato, a fine 2011, un protocollo d´intesa con l´associazione San Vincenzo de´ Paoli, si legge nell´esposto, per un servizio di assistenza alimentare a favore dei cittadini meno abbienti, la giunta municipale di Ragusa ha stanziato 18mila euro da destinare all´associazione per svolgere il servizio. La particolarità, secondo quanto denunciato, sta nel fatto che la San Vincenzo s´impegna a "individuare i nominativi delle famiglie oggetto dell´aiuto alimentare, privilegiando quelli che saranno segnalati dal Comune, esclusivamente attraverso l´ufficio di gabinetto del Sindaco".

I supposti indigenti, insomma, dovevano presentarsi al segretario di gabinetto per poi essere "mandati", all´associazione che avrebbe dato loro gli aiuti necessari. Ad aggravare il quadro e´ il fatto che ai consiglieri che hanno chiesto maggiori informazioni, nessuno ha saputo presentare un regolamento sulla base del quale venissero scelte le famiglie indigenti, spiegando i parametri sui quali stilare una graduatoria, risultata poi inesistente. Il comune di Ragusa, hanno voluto ribadire i consiglieri nell´esposto, ha, come tutti i comuni siciliani, stilato un proprio "regolamento comunale per l´assistenza sociale", sulla base del quale qualsiasi "iniziativa nel campo sociale ed assistenziale" deve passare proprio dall´ufficio dei servizi sociali.

La delibera emanata dall´ormai ex Sindaco con la San Vincenzo, di fatto esautora il settore servizi sociali del comune di Ragusa da ogni potere di segnalazione e valutazione delle istanze degli interessati, che di fatto "spetta esclusivamente all´ufficio di gabinetto del Sindaco". Segnalazioni di "privilegiati" per beneficiare di assistenza alimentare a spese della collettività, arbitrarietà nell´assegnazione dei beni, rapporto di dipendenza tra amministratori e beneficiari. Tanti i sospetti sollevati dai consiglieri. Spetta alla Procura ora fare chiarezza.