Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 12:04 - Lettori online 727
RAGUSA - 18/08/2012
Cronache - Il ciclismo amatoriale nel mirino della Squadra mobile di Ragusa

Ciclisti amatoriali con sostanze dopanti: denunciati comisano e ragusano

Trovati con 5 confezioni di soluzioni Eprex 10.000 in macchina. Indagini per in corso per accertare eventuali responsabilità di medici e farmacisti
Foto CorrierediRagusa.it

Una puntura di Eprex 10.000 non fa male prima di una gara ciclistica amatoriale! Dopo il sequestro di sostanze dopanti effettuati dalla Squadra mobile nei mesi di marzo e giugno, un altro caso è stato portato alla luce dagli uomini diretti dal vice questore Francesco Marino.

Altri due ciclisti amatoriali che facevano uso di sostanze dopanti sono stati scoperti nell’ambito di una mirata attività investigativa volta al monitoraggio del fenomeno dell’uso di sostanze illegali nei circuiti sportivi. Nel mirino dei poliziotti, in servizio di controllo lungo la statale 115, è finita un’autovettura condotta da L. A. comisano 50enne il quale viaggiava in compagnia di S.M., ragusano di 39 anni.

I due uomini, durante il controllo hanno mostrato evidenti segni di insofferenza e nervosismo insospettendo i poliziotti. Gli agenti hanno trovato dentro l’auto, accuratamente nascoste, cinque confezioni integre di Eprex 10000ui/ml, soluzione iniettabile in siringa pre riempita, sostanza dopante ed anabolizzante elencata nel decreto legge del Ministero della Salute. Da ulteriori accertamenti, i due uomini risultavano essere entrambi ciclisti amatoriali locali e pertanto i suindicati farmaci sono stati sottoposti a sequestro. I due ciclisti, sprovvisti di qualsiasi prescrizione medica, venivano denunciati alla Procura della Repubblica di Ragusa.

Sono in corso indagini al fine di accertare il coinvolgimento di terzi soggetti nelle attività illecite di vendita di sostanze dopanti, nonché di eventuali medici e/o farmacie compiacenti dalle quali provengono i numerosissimi e pericolosissimi farmaci sequestrati.