Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:29 - Lettori online 697
RAGUSA - 17/08/2012
Cronache - I controlli dei militari dell’arma

Ferragosto: Carabinieri nel Modicano e nell´Ipparino

I risultati sono stati positivi

Anche quest’anno, con l’inizio della stagione estiva ed il conseguente aumento del flusso turistico, il Comando Compagnia Carabinieri di Modica ha predisposto una generale intensificazione dei servizi preventivi sulla fascia costiera compresa tra Donnalucata e Santa Maria del Focallo di Ispica al fine di garantire ai villeggianti ed alla cittadinanza il regolare andamento delle vacanze estive.

Attenzioni particolari sono state poi rivolte ai giorni a cavallo di ferragosto che, notoriamente, fanno registrare un sensibile aumento delle presenze «per strada» con conseguente incremento potenziale delle criticità. Tra il 14 ed il 16 agosto sono stati, quindi, predisposti sia specifici e diuturni controlli sulla circolazione stradale sia accertamenti notturni sui principali luoghi di aggregazione giovanile.

Come ormai è consuetudine da alcuni anni, sono stai disposti scrupolosi controlli in mare a carico dei diportisti a cura della Motovedetta d’Altura della Compagnia di Modica, di stanza a Pozzallo, i quali, al termine dei controlli effettuati nelle acque prospicienti le acque di Sampieri e Marina di Modica, hanno deferito in stato di libertà 1 turista la cui imbarcazione era sprovvista della necessaria dotazione di sicurezza.

In totale, tra la notte del 14 agosto e le prime ore odierne, sono state impiegate oltre 20 pattuglie dell’Arma dei Carabinieri con un dispiegamento di oltre 50 militari. Durante il giorno è stata, quindi, intensificata la presenza dell’Arma dei Carabinieri lungo il litorale al fine di garantire l’ordinato andamento della circolazione stradale e prevenire, in genere, la consumazione di furti in danno di abitazioni o di automobili in sosta lungo la costa. I principali risultati in termini operativi sono stati ottenuti a Scicli ove i militari della locale tenenza dei Carabinieri hanno deferito in stato di libertà un 25enne che, al termine della perquisizione personale/domiciliare cui è stato sottoposto, è stato trovato in possesso di 3 piante e 37 semini di canapa indiana, nonché di 6.15 grammi di marijuana. Il giovane è stato denunciato all’autorità giudiziaria per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente.

Sempre a Scicli i Carabinieri dell’Aliquota Radiomobile di Modica hanno denunciato a piede libero un giovane catanese che stava per partecipare ad un concerto nelle campagne sciclitane. Sottoposto a perquisizione mentre viaggiava a bordo della sua autovettura in compagnia di 2 amici, è stato trovato in possesso di un coltello a serramanico e di uno spinello; motivo per cui, oltre ad essere denunciato per porto di armi od oggetti atti ad offendere, è stato segnalato ai competenti uffici prefettizi quale assuntore di droga. Al giovane è stata, quindi, ritirata la patente atteso che l’esame alcoolemico cui è stato sottoposto ha evidenziato un tasso superiore al consentito. A pochi minuti di distanza i militari hanno poi denunciato un altro ragazzo sorpreso alla guida dell’autovettura di un amico nonostante non abbia mai conseguito la patente.
Nella tarda serata di ieri i Carabinieri della Stazione di Ispica hanno, invece, denunciato, un ragazzo indigeno che si è rifiutato di sottoporsi all’accertamento del tasso alcoolemico mentre si trovava alla guida della sua autovettura.

Alla vigilia di ferragosto, infine, i militari della Stazione di Marina di Modica, con la collaborazione di alcuni tecnici dell’ARPA, hanno deferito in stato di libertà il titolare di un locale notturno le cui emissioni sonore avevano superato, a più riprese, la soglia consentita dalla normativa vigente creando nocumento ai numerosi residenti della frazione rivierasca modicana.
In totale le pattuglie, su richiesta pervenuta al 112, hanno eseguito 6 interventi in ausilio alla cittadinanza. Sono state controllate 148 autovetture ed identificate oltre 250 persone. 18 sono state le contravvenzioni al codice della strada elevate dai militari dell’Arma.

I CONTROLLI NELL´IPPARINO
Nel corso di questi ultimi giorni, compreso il Ferragosto appena trascorso, i Carabinieri della Compagnia di Vittoria, su dettagliate disposizioni del Comando Provinciale di Ragusa, hanno effettuato un servizio coordinato a largo raggio che ha interessato tutto il territorio della giurisdizione, comprese e con particolare attenzione alle località con sbocco sul mare di Scoglitti e Marina di Acate, soggette ad un grande affollamento di popolazione in villeggiatura.

Si tratta di una operazione anticrimine, coordinata dal Comando Provinciale di Ragusa, che ha visto impegnati un grande numero di Carabinieri compresi quelli specializzati, imbarcati sul battello pneumatico 51-68 ormeggiato presso lo scalo marittimo di Scoglitti.

In territorio di Scoglitti i Carabinieri della Stazione hanno tratto in arresto M. R., 17enne nato in Bangladesh, residente a Palermo, celibe, nullafacente, pregiudicato, sorpreso dai militari in possesso di sostanza stupefacente tipo «hashish» per un peso complessivo di grammi 100 (cento) circa.

I Carabinieri di Scoglitti ormai da giorni tenevano sotto controllo l’area attigua al Faro ed al mercato del pesce della frazione marina di Vittoria. Vi erano fondati sospetti che nelle ore notturne la citata area, dedicata di giorno al commercio ittico, fosse oggetto di notte, di «ben diverso commercio». Infatti, dopo la notte appena trascorsa, i sospetti investigativi si sono rivelati assolutamente esatti. Pochi minuti dopo la mezzanotte che poneva fine alla Festa del Ferragosto, alcuni Carabinieri in abiti simulati, opportunamente occultati nelle vicinanze dei luoghi d’interesse operativo, entravano in azione interrompendo un «sospetto via vai di giovani» che si prolungava da giorni. Entrati in azione i Carabinieri di Scoglitti bloccavano un giovane straniero che aveva con sé sia una cospicua quantità di hashish, già suddivisa in dosi pronte per lo smercio, che un panetto di scorta ancora da «lavorare». Inoltre, era ben fornito di tutto il necessario per il confezionamento delle dosi e di bilancino di precisione per pesarle. In sostanza, i militari hanno sequestrato una sorta di laboratorio portatile per lo spaccio di hashish, e quale posto migliore che il mercato del pesce di notte, ancora intriso degli odori forti e fastidiosi del pescato e quindi ben isolato da inopportune attenzioni.

Conclusa la perquisizione personale, tutto lo stupefacente veniva posto sotto sequestro ed inviato al competente ufficio ASL di Ragusa per le analisi di rito, disposte con urgenza dall’Autorità Giudiziaria. Il M. R. terminate le attività di polizia giudiziaria, veniva associato presso il Centro Prima Accoglienza per minori di Catania a disposizione della competente A.G..

Sempre in territorio di Scoglitti i Carabinieri del Nucleo Radiomobile di Vittoria hanno denunciato in stato di libertà A. D. C., 26enne romeno residente a niscemi (CL), meccanico, sorpreso in seguito ad una perquisizione personale con addosso un coltello di genere vietato del quale non sapeva fornire alcuna giustificazione. Al termine degli adempimenti di polizia giudiziaria i Carabinieri provvedevano anche ad inoltrare opportuna proposta di misura di sicurezza per l’applicazione del «divieto di ritorno» nel comune di Vittoria e frazioni limitrofe;

Sempre in ambito territoriale di Scoglitti, i Carabinieri specializzati, imbarcati nel battello pneumatico 51-68, nell’ambito delle prerogative operative di specifica competenza denunciavano a piede libero F. C., 20enne di Gela (CL), residente a Vittoria (RG), celibe, commerciante ambulante. Lo stesso in seguito ad un controllo veniva sorpreso a vendere varie specie ittiche sotto la misura di legge ed in pessimo stato di conservazione, come previsto dalla dettagliata e severa legislazione speciale vigente in materia. Il pesce sequestrato, circa trenta kg di specie varie, veniva distrutto presso una ditta specializzata, come disposto dall’A.G. competente;

Sempre i militari della motovedetta di Scoglitti, questa volta in ambito territoriale di Marina di Acate, procedevano al controllo di tutti i lidi balneari di quel tratto di costa, riscontrando a carico di uno di essi varie mancanze di rilievo penale ed amministrativo, in particolare: veniva multato per violazioni amministrative inerenti la mancanza del bagnino sulla idonea postazione, la mancanza delle dotazioni di sicurezza, la mancanza d’idonea imbarcazione di salvataggio ed, infine, per l’omissione di delimitazione dell’area demaniale come da specifica ordinanza risalente all’anno 2010. Il totale delle contestazioni amministrative ammonta a circa seimila euro.

Sempre i Carabinieri della motovedetta, a seguito di serrati controlli sulla pesca effettuata sottocosta, elevavano sanzioni amministrative per aver pescato ad una distanza inferiore ai mt. 300 dall’arenile in orari vietati per un importo complessivo di quattrocento euro.

In territorio di Acate i Carabinieri del Pronto Intervento 112 di Vittoria, hanno denunciato in stato di libertà C. F., 25enne romeno, celibe, bracciante agricolo, incensurato e S. R., 30enne romena, nubile, casalinga, incensurata, entrambi conviventi e residenti ad Acate (RG), sorpresi dagli uomini del Nucleo Radiomobile in possesso di un motociclo marca Yamaha modello Majesty, privo di targa, oggetto di furto denunciato lo scorso febbraio presso i Carabinieri di Modica dal legittimo proprietario, al quale i Militari hanno provveduto immediatamente a restituire l’oggetto del reato.

Sempre i Carabinieri del Nucleo Radiomobile di Vittoria procedevano a deferire in stato di libertà M. A., 26enne di Vittoria, residente ad Acate (RG), celibe, disoccupato, pregiudicato, sorpreso in via XX settembre a bordo del proprio motociclo Peugeot Eliseo, privo della patente di guida perché mai conseguita e senza copertura assicurativa. Il veicolo veniva sottoposto a sequestro amministrativo.