Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:43 - Lettori online 872
RAGUSA - 04/08/2012
Cronache - La macabra scoperta è stata fatta per caso da operatori sanitari

Donna vive da 6 mesi con cadavere della madre in casa

Il triste caso di solitudine e abbandono sociale si è verificatonell’abitazione ubicata nella parte alta di corso Vittorio Veneto, all’inizio del centralissimo viale Europa Foto Corrierediragusa.it

Accertamenti in corso sul rinvenimento del cadavere di un’anziana di circa 75 anni in un’abitazione a Ragusa. La donna pare fosse morta da almeno sei mesi. Il decesso risale allo scorso febbraio, quindi in pieno inverno, stando agli abiti pesanti addosso al cadavere, in avanzato stato di decomposizione. La macabra scoperta è stata fatta per caso dagli operatori sanitari che si erano recati nell’abitazion eper effettuare un tso, trattamento sanitario obbligatorio, ad una donna 40enne, figlia dell´anziana trovata morta, assuntrice di sostanze stupefacenti e con qualche problema psichico.

Il triste caso di solitudine e abbandono sociale si è verificatonell’abitazione ubicata nella parte alta di corso Vittorio Veneto, all´inizio del centralissimo viale Europa. Pare che la 40enne, come detto affetta da problemi psichici, non si fosse neanche resa conto d’aver convissuto per mesi con il cadavere della madre in casa, nonostante l’olezzo nauseabondo che infestava l’abitazione, devastata dal disordine, a causa dell’avanzato stato di decomposizione del cadavere.

In effetti pare che la donna, sempre imbottita di tranquillanti, non si fosse neanche resa conto del decesso della madre, trovata adagiata sul letto della propria camera, come detto ancora vestita con abiti invernali. La salma dell’anziana è stata condotta in obitorio dell´ospedale "Maria Peternò Arezzo" per accertare se la morte, come sembra, sia sopraggiunta per cause naturali. Pare invece che la 40enne sarà temporaneamente affidata ai servizi sociali. Al momento la donna è sotto osservazione nel reparto di psichiatria del "Paternò Arezzo". Gli investigatori sono alla ricerca di qualche parente che si faccia vivo per potersi prendere cura della 40enne e per dare degna sepoltura alla madre.