Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 19:51 - Lettori online 852
RAGUSA - 16/07/2012
Cronache - Il 115 intasato di telefonate di cittadini allarmati

E´ doloso il rogo che ha lambito agriturismo "Madonna del Monte"

In contrada Lusia i piromani hanno appiccato le fiamme in tre punti, a distanza di circa 100 metri
Foto CorrierediRagusa.it

Ha rischiato di lambire l’agriturismo della «Madonna del Monte» il più grosso degli incendi, quello di contrada Lusia, che ieri ha trasformato buona parte della provincia in un inferno di fiamme. E c’è di più: il rogo è doloso. I piromani hanno appiccato le fiamme in tre punti, a distanza di circa 100 metri l’uno dagli altri.

Un fronte di fuoco che, alimentato dal vento afoso, ha tenuto impegnati tutti i vigili del fuoco a disposizione. Il rogo, come accennato, ha rischiato di lambire anche l’agriturismo, prima che i pompieri ne avessero ragione. Non è stato necessario far evacuare la struttura, ma le fiamme hanno divorato ettari di terreni, tra macchia mediterranea, arbusti e sterpaglie. Le fiamme hanno lambito anche un pozzo di gas Enimed.

Il denso ed acre fumo ha invaso persino il centro storico di Modica intorno alle 20, circa un’ora dopo che le fiamme si levassero alte, mentre in piazza Matteotti era allestito il palco per la clebrazione della Madonna del Carmine, dinanzi all’omonima chiesa. I vigili del fuoco hanno dovuto lavorare per almeno tre ore per domare l’incendio. Gli investigatori sono adesso alla ricerca dei piromani che hanno appiccato il rogo.

E non è stato l’unico incendio: altri, di ampie proporzioni, hanno interessato parecchie zone della provincia, una delle quali poco distante dall’area distrutta dall’incendio doloso: si tratta di contrada Scassale, dove il fuoco ha ricominciato ad ardere, dopo l’incendio della scorsa settimana che era stato domato con i lanci d’acqua effettuati con i canadair. Canadair che sono entrati in azione pure ieri. Il fuoco si è sviluppato anche a ridosso del cimitero di Ragusa (nella foto in alto di Gianni Tumino e Melania Pluchinotta). Le fiamme hanno fatto la loro comparsa anche a Scicli e a Ragusa, impegnando le squadre operative del comando provinciale e dei distaccamenti di Modica e Vittoria. Fiamme anche sulla Ragusa - Chiaramonte.

Il 115 scoppiava di telefonate di allarmati cittadini, ma per fortuna in nessun caso si sono registrati danni alle persone, dal momento che la situazione è sempre rimasta sotto controllo, grazie all’incessante lavoro dei pompieri. Se il dolo del rogo di contrada Lusia è ormai comprovato, resta invece da accertare se anche gli altri roghi siano stati provocati dalla sconsiderata mano dell’uomo, oppure se siano dovuti alle alte temperature che persisteranno anche nei prossimi giorni, con punte fino a 45 gradi al sole, imponendo un alto livello d’allerta per prevenire possibili disastri.

Clicca sulle foto sotto per ingrandirle


18/07/2012 | 11.01.59
VITO

Perchè in tutti questi incendi nominate solo i vigili del fuoco.Quando tutto il lavoro piu pesante e sp*****o viene fatto dei forestali? Che professionlmente nei boschi sono piu preparati.