Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:55 - Lettori online 1484
RAGUSA - 09/07/2012
Cronache - Le 2 macchine percorrevano via Risorgimento, l’utilitaria ha invaso la corsia opposta

Scontro Mercedes-Twingo: donna in prognosi riservata

La vittima, B.P., di 42 anni, è ricoverata in Rianimazione all’ospedale Civile
Foto CorrierediRagusa.it

Prognosi riservata per una donna di 42 anni, B.P., originaria di Chiaramonte Gulfi, rimasta coinvolta in un incidente verificatosi all’uscita della città, direzione Ibla, in via Risorgimento.

Nell’impatto tra una Twingo, guidata dalla donna, e la Mercedes 220, alla cui guida si trovava C.G., 57 anni, nato a Modica e residente a Giarratana, ha avuto la peggio la donna visto che l’uomo se l’è cavata con 20 giorni di prognosi ed è stato dimesso dal Pronto Soccorso dell’ospedale «Civile» anche se ha riportato trauma cervicale ed al dorso. La donna invece è stata ricoverata al reparto di rianimazione per un trauma renale, un trauma cranico commotivo e ferite lacero contuse al piede ed alla testa.

Le condizioni di B.P. sono apparse subito gravi all’agente della polizia municipale in transito che mentre si stata recando al lavoro ad Ibla. E’ stata chiamata l’ambulanza del 118 per il trasporto presso il vicino ospedale e la strada è rimasta chiusa al traffico fin quando i due mezzi, entrambi sequestrati, non sono stati rimossi. Le due pattuglie dei vigili urbani che hsono intervenute sul posto hanno rilevato l’incidente.

Dai primi dettagli pare che la Twingo che procedeva verso Ibla all’altezza dell’intersezione con Corso Don Minzoni ha invaso la corsia opposta entrando in collisione con la Mercedes che si dirigeva verso il centro città. L’impatto è stato inevitabile e solo la moderata velocità dei due mezzi ha evitato guai maggiori.

Nella foto le due auto poste sotto sequestro dopo l´incidente