Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 0:33 - Lettori online 1055
RAGUSA - 06/07/2012
Cronache - Sinergia tra guardie zoofile Enpa e i Carabinieri per scoprire il caso

Collari elettrici ai cani, denunciato un ragusano

Gli animali sono stati dunque salvati da possibili maltrattamenti

In provincia di Ragusa i cani adesso non solo finiscono abbandonati sulle strade roventi, come purtroppo accade ogni estate, ma rischiano addirittura anche di finire arrosto. Un ragusano aveva difatti applicato dei collari elettrici ai suoi due cani. Un agghiacciante circostanza scoperta dalle guardie zoofile dell’Enpa di Ragusa, che hanno denunciato l’aguzzino. All’uomo è stato contestato il reato di maltrattamento di animali (articolo 544 ter del codice penale). Le indagini sono partite in seguito alla segnalazione di un residente, il quale ha informato gli agenti dell’Enpa circa la presenza di due animali che vagavano nella zona e che avevano al collo un dispositivo «sospetto». Immediato l’intervento delle Guardie Zoofile e dei Carabinieri, i quali hanno trovato i cani – regolarmente dotati di microchip - in buone condizioni di salute ma con addosso i pericolosi collari elettrici, procedendo quindi al sequestro.

I cani sono stati dunque salvati da possibili maltrattamenti grazie alla sinergia tra Guardie Zoofile e Carabinieri del Nucleo antisofisticazioni, senza dimenticare la fondamentale segnalazione del cittadino, che ha consentito di accertare l’ingiustificabile circostanza. Infine da evidenziare un paradosso tutto all’italiana: la legge, infatti, vieta l’uso dei collari elettrici, ma non ne impedisce la commercializzazione. Soddisfazione è stata comunque espressa dal presidente dell’Enpa di Ragusa Antonio Tringali.