Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:41 - Lettori online 733
RAGUSA - 08/06/2012
Cronache - Operazione della Polstrada, denunciato un autotrasportatore

Maxi sequestro di 40 tonnellate di grano contaminato in autocarro

Dal sequestro di alcuni documenti nascosti è stato accertato infine che il ragusano aveva già trasportato grano duro canadese e spagnolo, nonché mais bulgaro e farina di soya ottenuta da Ogm Foto Corrierediragusa.it

Un maxi sequestro di 40 tonnellate di grano duro infestato dai parassiti (foto) è stato effettuato dalla Polstrada nel corso di un servizio di controllo sulla strada statale 115, in territorio di Vittoria. Gli agenti hanno fermato e controllato un autocarro con rimorchio condotto da un ragusano di 57 anni. Il conducente dichiarava di avere dimenticato i documenti dei mezzi, ma gli agenti accertavano via terminale che il mezzo era privo di copertura assicurativa e che il proprietario non era iscritto all’albo degli autotrasportatori. Peraltro i mezzi non erano idonei al trasporto di prodotti alimentari in quanto non erano ermetici, consentendo la dispersione sulla del grano, con grave pericolo per gli automobilisti, ed erano carenti dal punto di vista igienico.

Non a caso le successive analisi hanno consentito di appurare che il grano era contaminato da «presenza di frammenti di insetti di diversa specie ed impurità solide». La Polstrada, come accennato, ha quindi proceduto al sequestro penale del carico e a denunciare il conducente per i reati di trasporto di merce destinata ad uso alimentare nociva e per detenzione per il commercio di sostanze pericolose per la salute pubblica. Dal sequestro di alcuni documenti nascosti è stato accertato infine che il ragusano aveva già trasportato grano duro canadese e spagnolo, nonché mais bulgaro e farina di soya ottenuta da Ogm, gli organismi geneticamente modificati.