Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 10:02 - Lettori online 1009
RAGUSA - 02/06/2012
Cronache - Misura cautelare emessa dal gip Maggioni su richiesta del pm Monego

Denuncia per stalking: dove c’è la ex non deve esserci lui

Le indagini svolte dalla Squadra mobile hanno accertato le azioni persecutorie di un ragusano di 35 anni nei confronti della ex

Non si rassegna a perdere l’amore e reagisce con incursioni nella vita privata della ex: telefonate, pedinamenti, atti persecutori, in una sola parola, stalking. Il modo peggiore per riconquistarla! Per questo reato un ragusano di 35 anni è stato raggiunto dalla misura cautelare del divieto di avvinamento ai luoghi frequentati dalla vittima. Dove c’è lei, non deve esserci lui. Altrimenti sarà arrestato.

A seguito delle indagini svolte dalla Squadra mobile di Ragusa, il gip Claudio Maggioni ha emesso la misura cautelare su richiesa del pm Monica Monego. Lo stalking distrugge la vita delle persone, non solo quella della vittima, ma spesso anche quella dei familiari. E qualche volta finisce pure in tragedia, l’ultimo caso quella di Cesena, dove un uomo dopo essere stato denunciato per stalking ha ucciso a colpi di pistola la sua ex e poi si è sparato nel Duomo di Gervia.