Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:47 - Lettori online 1088
RAGUSA - 19/05/2012
Cronache - Non si esclude il dolo, ma si pensa ad un cortocircuito

"Baciamo le mani" distrutto dal rogo, resta solo cenere

I vigili del fuoco hanno lavorato per oltre 5 ore filate per avere ragione delle fiamme Foto Corrierediragusa.it

Il «Baciamo le mani» non esiste più (foto). Un incendio dalle cause ancora ignote hanno ridotto in cenere quello che era uno dei ristoranti più noti e ricercati di Marina di Ragusa. In tanti ieri, a tarda notte, hanno visto le fiamme levarsi alte dal lungomare Andrea Doria.

Quando sono arrivati i vigili del fuoco, il rogo aveva ormai avvolto quasi tutta la struttura, interamente di legno. I pompieri hanno faticato non poco per circoscrivere le fiamme, lavorando per oltre 5 ore filate. Ma i danni sono comunque ingenti. Di fatto, non è rimasto nulla del ristorante. Data l’ora, la zona era pressoché deserta e nessuno pare si sia accorto di nulla, se non quando le fiamme erano ormai divampate.

Non si esclude il dolo, ma al momento la pista più battuta dagli investigatori sembra essere quella del cortocircuito causato da un macchinario difettoso. Certo, appare quantomeno strana la coincidenza che il presunto incidente si sia verificato proprio in vista della bella stagione, quando il ristorante avrebbe cominciato a funzionare a pieno regime. L’ombra della mano dolosa, anche alla luce di questo ragionamento, non può dunque al momento essere esclusa a priori.