Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 19:51 - Lettori online 977
RAGUSA - 15/04/2012
Cronache - Gli investigatori lo cercavano dal 5 aprile

Preso l´immigrato latitante sfuggito all´operazione Suk

La sua latitanza è finita venerdì sera a Vittoria

Lo cercavano dal 5 aprile, quando a Modica i carabinieri avevano condotto in porto l´operazione "Suk", che aveva sgominato una banda dedita al traffico di stupefacenti. Walid Khediri, 31 anni, tunisino, era riuscito a far perdere le proprie tracce, svanendo nel nulla.

La sua latitanza è finita venerdì sera a Vittoria, quando gli agenti della squadra mobile della Questura lo hanno fermato in piazza Senia per un controllo. L´immigrato aveva fornito generalità fasulle, ma è stato ugualmente condotto in Questura a Ragusa e sottoposto allo Iafis. Il confronto delle impronte digitali lo ha inchiodato. Sono subito saltate fuori le sue vere generalità ed anche il fatto che era ricercato per l´operazione antidroga di Modica.

A quel punto, gli agenti della mobile hanno fatto scattare le manette e lo hanno trasferito in carcere a Ragusa, in stato di fermo. Gli atti sono stati trasmessi alla Procura e messi a disposizione del sostituto procuratore Federica Messina. Adesso, Khediri sarà sottoposto all´interrogatorio di garanzia.

Il controllo che gli agenti della squadra mobile hanno effettuato a Vittoria rientrava tra quelli disposti dal questore Filippo Barboso per il controllo dei soggetti gravati da precedenti di Polizia e, nello specifico, per il contrasto allo spaccio di droga. E la piazza vittoriese, da questo punto di vista, è considerata un vero e proprio crocevia dello smercio al dettaglio delle sostanze stupefacenti.

L´immigrato, alla vista dei poliziotti, aveva provato ad allontanarsi con fare indifferente, ma le sue mosse sono state subito intuite ed è scattato il controllo che l´ha portato in carcere.