Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 291
RAGUSA - 12/04/2012
Cronache - Intensità 2.4 gradi di magnitudo

Terremoto nella provincia iblea avvertito ieri mattina

Nessun danno a cose o persone

Scossa sismica ieri in provincia di Ragusa: si è trattato di un terremoto di intensità 2.4 gradi di magnitudo. Il sisma è stato localizzato dai macchinari dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia e si è verificato nel distretto sismico dei Monti Iblei. La zona corrisponde ad un altopiano collinare ubicato nella regione sud-orientale della Sicilia; è compreso tra le province di Ragusa, Siracusa e Catania e la sua cima più alta è il Monte Lauro, di 986 metri.

Tornando al terremoto: è stato registrato alle ore 8.35, mentre il suo ipocentro è stato definito ad una profondità di 40.1 km, alle coordinate 37.084°N, 14.718°E. Nonostante il terremoto sia stato sentito distintamente da gran parte della popolazione dei comuni limitrofi, non sembra esser stato causa di danni rilevanti a persone o cose. Dettagliatamente, i Comuni che lo hanno avvertito e che si trovano in un raggio compreso entro i dieci chilometri sono: Licodia Eubea, Vizzini, Chiaramonte Gulfi, Giarratana, Monterosso Almo; i comuni che hanno avvertito il terremoto compresi trai i 10 e i 20 chilometri sono, invece: Grammichele, Mineo, Mazzarrone, Comiso, Ragusa, Buccheri, Buscemi, Palazzolo Acreide.

In Sicilia, l’ultimo terremoto avvertito precedentemente a questo, e avvenuto nel medesimo distretto sismico, si è verificato il 5 aprile, alle ore 5:14 ed era stato di magnitudo 2.4. Anch’esso prodottosi in provincia di Ragusa, era stato individuato alle ad una profondità di 19.8 chilometri, alle coordinate 36.927°N, 14.772°E. I comuni che avevano avvertito il terremoto compresi in un raggio di 10 chilometri erano stati Modica (Rg) e Ragusa; quelli compresi in un raggio tra i 10 e i 20 chilometri: Chiaramonte Gulfi (Rg), Comiso (Rg), Giarratana (Rg), Ispica (Rg), Monterosso Almo (Rg), Scicli (Rg), Buscemi (Sr), Palazzolo Acreide (Sr). Quest’ultimo fenomeno sismico era stato identificato con i dati rilevato da otto stazioni dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia, mentre quello di oggi dai dati provenienti da 8 stazioni.