Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 20:03 - Lettori online 1082
RAGUSA - 06/04/2012
Cronache - Malviventi scatenati in mezza provincia

Raffica di rapine in provincia: Ragusa, Vittoria e Comiso

La più clamorosa all’agenzia 3 Bapr del capoluogo in zona Asi. A Comiso rapinati mille euro alla Banca Nuova e a Vittoria è fallita la rapina all’Agip vicino alla Fontana della pace
Foto CorrierediRagusa.it

Il Venerdì Santo i malviventi lo dedicano alle rapine. La più clamorosa a Ragusa, alla Banca Agricola Popolare del centro direzionale Asi, esattamente all’agenzia 3. Bottino 200mila euro. Tre banditi hanno agito intorno alle 16,30, proprio mentre l’istituto stava per chiudere. I 3 malviventi sono entrati dalla finestra posteriore senza commettere effrazioni. Appena dentro si sono presentati davanti agli impiegati e senza l’utilizzo di armi sono riusciti a immobilizzarli legandoli.

Messo a tacere il personale della banca, si sono dati da fare, con successo, per l’apertura della cassaforte sottraendo la consistente somma di 200mila euro. Fatto il colpo sono andati via indisturbati facendo perdere le loro tracce.

Dopo l’azione delittuosa sono intervenuti i Carabinieri di Ragusa coordinati dal colonnello Salvo Gagliano. Sebbene gli immediati posti di blocco, le indagini al momento non hanno dato esito positivo.

Da rilevare che le modalità della rapina sono state identiche a quelle della tentata rapina compiuta all’Unicredit di Vittoria a fine marzo, complesso il Girasole. Anche in quella circostanza i banditi legarono i polsi degli impiegati, ma la cassaforte non si aprì.

Sempre nel pomeriggio a Comiso alla Banca Nuova di corso Ho Chi Min un malvivente ha fatto un colpo da circa mille euro con la tecnica del taglierino. Dei particolari non è stato possibile sapere di più perché gli inquirenti non hanno avuto un attimo di respiro per tutto il pomeriggio. La rapina si è verificata di mattina.

E non è finita, perché a Vittoria sempre nel primo pomeriggio c’è stata una tentata rapina al distributore di carburante Agip sulla «115» dopo la Fontana della Pace direzione Comiso. A dicembre lo stesso rifornimento è stato vittima di un’altra rapina. Stavolta due banditi a volto semicoperto si avvicinati a bordo di uno scooter al gestore del rifornimento e sotto la minaccia di una pistola giocattolo che uno dei due impugnava, hanno tentato di farsi consegnare l’incasso.

Di fronte alla resistenza del gestore è scoppiata una colluttazione, il bandito ha colpito la vittima alla testa con il calcio della pistola, ma per fortuna il titolare del rifornimento non ha subito ferite. La rapina, comunque, è fallita, perché le condizioni che si sono create hanno fatto desistere il malintenzionato che si è dato alla fuga. Dopo lo spavento il gestore del rifornimento ha chiamato la Polizia che ha avviato le indagini del caso, ma dei malviventi nessuna traccia.


Delinquenti abituali
18/04/2012 | 19.18.25
Piero

Daccordissimo con Alberto, la crisi non c´entra nulla, purtroppo le nostre leggi sono tutte a favore dei delinquenti, aggiungo che spesso questi delinquenti hanno sussidi ed aiuti da parte delle istituzioni, non pagano nè tasse, nè multe, nè ticket ecc. ecc. ecc.


Rapine
09/04/2012 | 10.02.45
Alberto

Non sono assolutamente d´accordo che la crisi c´entri qualcosa con l´aumento di scippi e rapine. Se tutte le persone oneste, che la crisi la risentono veramente attraverso il loro lavoro e le tasse che pagano ogni giorno, volessero mettersi a perpetrare scippi e rapine, non rimarrebbe più niente da rubare. Tenga presente Sig. Emanuele che gli autori di scippi, rapine e furti, sono persone che la parola crisi non sanno neppure cosa significhi, attesa la circostanza che non hanno mai lavorato, mai versato una lira (ops Euro) di tasse, hanno ahimé solo beneficiato di LSU e qualsiasi altra forma assistenziale e alla faccia della comunità, hanno continuato a fare i loro porci comodi. Sono persone aduse a delinquere, è insito nel loro DNA e non dettato dalle condizioni socio-economiche del Paese. Pertanto sarebbe auspicabile solo uno Stato che dettasse UNA TOLLERANZA ZERO contro tali soggetti (vds quanto fatto da Rudolf Giuliani in New York).
Cordialità


rapine in aumento
07/04/2012 | 10.53.25
Emauele

Non c´e´ da sorprendersi immersi in un clima di crisi così pesante statisticamente sono aumentati i cosiddetti " suicidi economici" è pertanto inevitabile che aumentino rapine e scippi.