Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 2 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:28 - Lettori online 1138
RAGUSA - 24/03/2012
Cronache - Un uomo denuncia d’avere assistito a manifestazioni acrobatiche

Il legale della Giubiliana: "Nessun volo acrobatico, semplici decolli e atterraggi"

Lettera inviata alla Procura e altre istituzioni per segnalare una tragedia sfiorata. Il legale rappresentante della società Salvatore Mancini smentisce lo svolgimento di manifestazioni acrobatiche
Foto CorrierediRagusa.it

Sulla notizia relativa ai presunti voli acrobatici nell’avio superficie dell’Eremo della Giubiliana, interviene il legale rappresentante dell’azienda, architetto Salvatore Mancini, per specificare che non ci sono state manifestazioni di volo acrobatico. Da parte nostra, nessuna volontà di arrecare danno patrimoniale e morale a persone e alla società.

1. "La notizia da Voi pubblicata circa una manifestazione di volo acrobatico svoltasi nei giorni scorsi con quattro aerei presso la nostra avio superficie di Contrada Giubiliana si rivela radicalmente falsa e tendenziosa, unicamente finalizzata ad arrecare danno alla società che rappresento; infatti non solo nei giorni scorsi, ma neanche nei mesi scorsi, si è svolto alcun tipo di manifestazione aerea nella suddetta struttura, al punto che le ultime operazioni svolte fanno riferimento esclusivamente a semplici attività di decollo o di atterraggio dalla pista".

2. "E’ evidente che da parte del Vostro giornale non è possibile la pubblicazione di una notizia la cui fonte è definita manifestamente incerta e probabilmente falsa al punto che lo stesso procuratore della Repubblica, come riferito nell’articolo, nutrirebbe dubbi circa l’attendibilità della fonte medesima".



La segnalazione dell´automobilista che avrebbe assistito ai voli

Voli acrobatici nei pressi dell’Eremo della Giubiliana e tragedia sfiorata? Li avrebbe visti un siracusano di passaggio sulla Ragusa-Marina. Nel dubbio che sia vero o falso, quanto denunciato dal cittadino residente a Noto sulla presunta manifestazione acrobatica di aerei svoltasi nei pressi dell’Eremo della Giubiliana nei giorni scorsi, la Procura della Repubblica ha disposto un’indagine. Dice il vero il denunciante, con tanto di nome, cognome e indirizzo (che potrebbero essere anche falsi) o è frutto di fantasia? Il procuratore della Repubblica di Ragusa, Carmelo Petralia, ha disposto un’indagine per accertare se il contenuto della missiva inviata, oltre che alla Procura, anche al Comune di Ragusa, ai Vigili urbani, alla Questura, ai Vigili del fuoco, alla Sovrintendenza, all’Enac, ai Carabinieri, alla Prefettura e agli organi di stampa è vero.

Scrive il siracusano, che mentre accompagnava un suo cliente verso Marina di Ragusa assisteva «con piacere a una manifestazione aereo-acrobatica, che ho scoperto poi di non essere autorizzata, da parte di 4 aerei presenti sulla pista dell’aeroporto. Dopo circa mezz’ora di piacevole spettacolo, un aereo che si era alzato in volo iniziava una figura acrobatica estrema, forse per uno sbaglio di manovra andava a sfiorare le persone che erano sulle verande delle villette esistenti dentro l’area aeroportuale, determinando una grave condizione di panico e pericolo fra i presenti. Sarebbe bastato che l’aereo si fosse spostato di circa 2 metri per tranciare le numerose persone presenti sulle verande delle villette. Denuncio questo per evitare che, come dice il detto, se prima non ci scappa il morto nessuno ci pensa».

Il procuratore Carmelo Petralia conferma di essere venuto a conoscenza della lettera di denuncia e di aver disposto un’indagine per verificare cosa sia realmente accaduto. Il primo passo riguarda l’accertamento se veramente esiste la persona che ha mandato la lettera e se abita realmente a Noto. Se si tratta, cioè, della fantasia di qualcuno o di una tragedia sfiorata per davvero, a seguito di voli acrobatici non autorizzati, lo sapremo presto.