Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:45 - Lettori online 599
RAGUSA - 18/03/2012
Cronache - Strascichi velenosi dopo le elezioni Rsu nella pubblica amministrazione

Lettere anonime contro Ugl, caccia al "corvo" che si nasconde alla Provincia

Gentile, Nativo e Caruso denunciano lettere anonime offensive e calunniose nei confronti dipendenti (anche disabili) che si sono candidate con l’Ugl ottenendo un seggio in più
Foto CorrierediRagusa.it

Veleni dopo le elezioni delle Rappresentanze sindacali unitarie alla Provincia di Ragusa. Bersaglio di missive anonime ritenute dal contenuto offensivo e calunnioso, come spiegano 3 dirigenti dell’Ugl, alcune dipendenti, fra le quali qualche disabile, che si erano candidate nelle liste del sindacato autonomo.

Immediate le reazioni di Paolo Nativo, segretario territoriale dell’Ugl, di Aldo Caruso, segretario provinciale e di Daniele Gentile (foto), componente del Comitato nazionale dell’Ugl. I tre dirigenti, oltre a stigmatizzare l’azione e il contenuto delle missive, hanno informato della vicenda l’autorità giudiziaria affinché disponga un’indagine per fare luce sull’accaduto.

Per Paolo Nativo «le lettere in questione sono certamente l’espressione di una cattiveria stolta e gratuita che almeno in due casi è resa ancor più grave dal fatto che sono state indirizzate a lavoratrici affette da disabilità con toni sprezzanti e discriminatori per noi certamente intollerabili; ai soggetti colpiti da un atto così vile ed insensato esprimo anche a nome di tutta l’U.G.L. Iblea assoluta vicinanza e la più totale solidarietà».

Per Aldo Caruso «se gli ignoti estensori delle missive fatte pervenire agli amici della Provincia regionale si prefiggevano lo scopo di dividere la nostra compagine presso l’Ente di Viale del Fante e/o di minare la nostra azione a tutela dei diritti dei lavoratori è bene far sapere loro che hanno miseramente fallito, come sempre accade quando anche uno solo di noi è attaccato, l’intera U.G.L. si porrà a difesa delle donne e degli uomini che militano tra le nostre fila. La nostra azione non solo non risulterà minimamente indebolita, ma al contrario sin da subito dedicheremo una maggiore attenzione ed uno sforzo supplementare alla risoluzione delle varie problematiche riguardanti il personale della Provincia regionale di Ragusa».

Secondo Daniele Gentile «si tratta di un atto grave reso ancor più odioso per l’uso, in alcuni casi, di contenuti chiaramente discriminatori. Abbiamo chiesto ai nostri legali di esaminare la documentazione in questione allo scopo di inoltrare, in tempi brevi, una ferma denuncia all’Autorità Giudiziaria Competente affinché venga avviata una opportuna attività di indagine tesa ad individuare ed a punire severamente i mittenti delle infamanti note».