Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:05 - Lettori online 708
RAGUSA - 22/02/2012
Cronache - Intensificata la lotta all’evasione fiscale

Non rilasciano scontrini, chiusi 2 negozi cinesi

Si tratta di un negozio di generi alimentari e di un ambulante di articoli tessili

Due negozi gestiti da cinesi nel centro storico di Ragusa sono stati chiusi dalla Guardia di Finanza di a seguito di accertamento della mancata emissione dello scontrino fiscale.

Le Fiamme gialle hanno apposto i sigilli ad un negozio esercente il commercio al dettaglio di prodotti non alimentari ubicato in una zona centrale di Ragusa, al quale è stata inflitta la chiusura dell’esercizio per ben dieci giorni, mentre ad un ambulante di articoli tessili è stata inflitta la sospensione dell’attività commerciale pari a cinque giorni.

I provvedimenti sono stati emessi dalla Direzione Regionale dell’Agenzia delle Entrate di Palermo, a seguito di quattro distinte mancate emissioni dello scontrino fiscale negli ultimi cinque anni, accertate dai militari della Guardia di Finanza nel corso dell’attività di controllo.

Dall’inizio dell’anno, la Guardia di Finanza di Ragusa ha eseguito, nei confronti di tutte le categorie economiche, 300 controlli con la rilevazione del 30% di infrazioni, mantenendo lo stesso trend dell’anno appena trascorso, dove a fronte dei 4.200 controlli eseguiti per ben 1.200 sono state contestate irregolarità, mentre a fronte di 98 proposte di sospensione dell’autorizzazione all’esercizio dell’attività sono state eseguite 41 chiusure di esercizi commerciali.

Tenuto conto della intensificazione di tale tipologia di controlli fanno sapere i finanzieri del Comando provinciale- che in questo periodo evidenzia grandi risultati nella lotta all’evasione fiscale e riscuote grande consenso da parte di tutti i cittadini, i controlli saranno aumentati e potenziati al fine di tutelare gli interessi dello Stato e dei commercianti rispettosi delle regole.


La finanza c´era anche prima
23/02/2012 | 13.55.46
Pensionata

Che i negozianti non fanno lo scontrino è una realtà triste ma vera... Mi chiedo. La finanza c´era anche prima, perché solo oro fanno i controlli in modo più capillare. Questi signori "stipendiati dallo Stato" hanno cominciato a lavorare solo ora e prima cosa facevano? Erano collaboratori di chi ha evaso fino ad ieri?