Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 14:58 - Lettori online 657
RAGUSA - 10/01/2012
Cronache - Al manager si intima di sottoscrivere i contratti dei precari

Lettera minatoria al manager Asp Ettore Gilotta

La missiva recapitata agli uffici di piazza Igea, interessata la Procura della Repubblica
Foto CorrierediRagusa.it

Atto intimidatorio indirizzato al direttore generale dell´Azienda sanitaria provinciale, Ettore Gilotta (nella foto). Ingiurie e minacce rivolte al manager dell´Asp, attraverso una missiva anonima giunta ieri mattina nella sede di Piazza Igea; Gilotta è accusato di non aver sottoscritto i contratti di lavoro per i precari dell´Asp, in protesta da oltre un anno.

L´anonimo ha intimato dunque al Direttore Generale di stipulare immediatamente i contratti di lavoro con tali categorie, pena la certezza di azioni di rappresaglia nei suoi confronti. Il segno che nonostante l´impegno congiunto di sindacati, Asp e assessorato regionale alla sanità, l´incertezza persistente sul futuro dei precari rischia di gettare sulla vicenda un´ombra pesante del tutto imprevista, inattesa e di certo non voluta.

E´ curioso inoltre che si tratti del terzo atto intimidatorio perpetrato a Ragusa ai danni di dirigenti a marca autonomista di altrettanti enti pubblici. Prima di Gilotta, infatti, si ricorda la busta con proiettili recapitata due anni fa ai danni dell´allora sovrintendente ai beni culturali, Vera Greco, e la bara in miniatura ai danni del presidente Iacp, Giovanni Cultrera.

Gilotta, al momento assente per malattia, ribadisce la propria serenità, e la direzione generale assicura che l´azione amministrativa dell´azienda continuerà ad essere improntata a principi di legalità e trasparenza. La Procura della Repubblica, informata della vicenda, ha già acquisito il materiale, avviando le indagini di rito.