Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:43 - Lettori online 677
RAGUSA - 31/12/2011
Cronache - La struttura priva del certificato antincendio e dell’autorizzazione per gli spettacoli

Controlli della Finanza nelle discoteche, chiuso il "Koala"

Il provvedimento è del questore Filippo Barboso

Il Koala resterà chiuso per la notte di S. Sivestro. Per la più grande discoteca della provincia è arrivato infatti il decreto di cessazione di attività firmato dal questore Filippo Barboso. E’ stato un colpo inatteso soprattutto per i titolari della struttura che contavano molto sulla festa già organizzata per la notte più importante dell’anno.

Non ci sarà niente da fare perché la discoteca è risultata priva del previsto certificato antincendio e l’autorizzazione per l’organizzazione di eventi musicali e spettacoli è scaduta. «Nonostante questo – è scritto nel rapporto - continuava ad organizzare eventi che richiamavano un gran numero di frequentatori».

Parla chiaro il rapporto della Guardia di Finanza che nel corso di un normale controllo di routine proprio in previsione del Capodanno ha effettuato un sopralluogo. I controlli attuati dai finanzieri hanno portato anche a scoprire che «la discoteca era priva del certificato di prevenzione incendi» e che tale documento non era stato «mai richiesto alle autorità competenti al rilascio».

Proprio per la mancanza di tale documentazione, che viene rilasciata dopo accurati e approfonditi riscontri sui dispositivi di emergenza e sicurezza per quanti frequentano il locale, ha condotto la Finanza a denunciare il rappresentante locale della società che gestisce la grande discoteca alla Procura della repubblica.

Alla luce di quanto scoperto, la Guardia di Finanza ha annunciato che «gli accertamenti nello specifico settore saranno intensificati per verificare eventuali analoghi comportamenti illeciti da parte di organizzatori di eventi che, con le loro azioni, danneggiano non solo il corretto funzionamento del settore, ma mettono in pericolo anche la sicurezza degli avventori».


31/12/2011 | 14.17.10
Edoardo

Continua lo spettacolo dell´Italia dei disonesti..