Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:06 - Lettori online 1464
RAGUSA - 24/12/2011
Cronache - Nuovi sviluppi sull’operazione che portò all’arresto del vivaista per possesso di droga

Ritorna in carcere Maugeri, liberato per vizio di forma

In una sorta di bunker di contra Comuni, Polizia di Comiso e Squadra mobile di Ragusa trovarono 70 chili di marijuana già confezionata in panetti. Il Tribunale del Riesame di Catania aveva scarcerato Maugeri per un vizio procedurale, il pm Monego ha reiterato la richiesta d’arresto firmata dal gip Giampiccolo

Natale in carcere per Antonio Maugeri, 61 anni, finito nei guai giudiziari lo scorso 26 novembre perché trovato in possesso di 70 chilogrammi di marijuana nel vivaio di sua proprietà sito sulla Comiso-Santa Croce Camerina. L’uomo era stato scarcerato per un mero vizio di forma il 16 dicembre con provvedimento del Tribunale del riesame di Catania.

A seguito della decisione del Tribunale etneo, il piemme Monica Monego ha reiterato la richiesta di ordinanza cautelare che il gip presso il Tribunale di Ragusa Giovanni Giampiccolo ha firmato.

Proprio alla vigilia di Natale, Maugeri è ritornato in carcere per la grave accusa di possesso di un ingente quantitativo di droga già confezionata in panetti e ben nascosta dentro un bunker realizzato in contrada Comuni e difficilissimo da individuare. L’operazione allora venne condotta dalla Squadra mobile di Ragusa e dal Commissariato di Comiso.

Secondo il convincimento del giudice, Maugeri è pienamente consapevole della detenzione e dell’occultamento dell’ingente quantitativo rinvenuto, non movimentabile peraltro da un solo soggetto. Le indagini sono solo all’inizio, la Polizia sta indagando al fine di accertare che il giro dell’ingente quantitativo di droga sia gestito non da una singola persona ma da un sodalizio associativo.