Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 10:51 - Lettori online 729
RAGUSA - 23/11/2011
Cronache - L’operazione Deutsch Galaxy ha incastrato Gaetano Tedesco, 53 anni, vittoriese

Possedeva 3 yacht, 20 auto e 13 aziende ma per il fisco Gaetano Tedesco era nullatenente -VIDEO-

Il patrimonio è stato posto sotto sequestro dal presidente della sezione del Tribunale Salvatore Barracca, che ha valutato positivamente il lavoro partito dalla Procura di Ragusa Foto Corrierediragusa.it

Il questore Filippo Barboso parla di operazione senza precedenti destinata a lasciare il segno e a non rimanere "figlia unica". Operazione "Deutsch Galaxy", che spogliata dalla internazionalità geografica, si traduce e si restringe a "Galassia Tedesco".

Prende l´appellativo da Gaetano Tedesco, 53 anni, ragioniere, vittoriese residente a Ragusa, e dalla galassia economico-finanziaria che l´imprenditore-faccendiere (così è stato definito) è riuscito a costruire con la collaborazione di soggetti prestanome, società fittizie, nate e morte alla fine del ciclo fruttuoso, con la partecipazione involontaria di istituti di credito che hanno aperto conti correnti e tenuti in deposito centinaia di migliaia di euro. Sono stati contati, nel corso delle indagini, ben 170 rapporti finanziari (130 i conti corrente) con altrettante società operanti anche in Francia, Trento, Milano e Venezia.

Tutto il patrimonio è stato posto sotto sequestro dal presidente della sezione del Tribunale Salvatore Barracca, che ha valutato positivamente il lavoro partito dalla Procura di Ragusa retta da Carmelo Petralia e svolto in forma congiunta da Questura, Guardia di Finanza e Carabinieri. Totale dell´impero accumulato, fra liquidità e beni mobili e immobili, cinque milioni di euro, spalmato tra contrada Boscorotondo (dove c´è il locale di residenza Swimmimg), il nord Italia e persino la Repubblica di San Marino.

Proprietà intestate ai familiari e uomini di fiducia di Tedesco, per il fisco nullatenente a fronte una dichiarazione reddituale pari a zero. Del resto, spiegano gli inquirenti (il questore Filippo Barboso, il colonnello della Finanza Francesco Fallica, il colonnello dei Carabinieri Giovanni Gagliano, il maggiore della Finanza Massimiliano Pacetto, il capo della Mobile Francesco Marino e il capitano Carmine Gesualdo), Gaetano Tedesco risulta essere fallito dal 1989 e la procedura non è ancora definita con parecchi creditori che attendono quanto loro dovuto. Adesso deve dimostrare come abbia potuto accumulare un simile patrimonio senza godere, di fatto, di nessuna fiducia finanziaria a livello personale.

Nella fattispecie si tratta di misure di prevenzione personale e patrimoniale per vari reati, fra cui l´evasione fiscale, la bancarotta e l´insolvenza fraudolenta. Ed è da questo che si sono sviluppate le indagini, andate avanti per circa un anno e che hanno, negli ultimi mesi, beneficiato delle previsioni del decreto legislativo antimafia. È emerso un impero economico consistente in imbarcazioni (tre yacht, uno dei quali valutato un milione di euro) 20 auto, tra le quali una Maserati, ma anche Mercedes, Volvo ed Alfa Romeo; 15 mezzi commerciali tra autocarri, furgoni, autobus e rimorchi per imbarcazioni; 3 motocicli; 4 immobili tra appartamenti, rustici e garage, 13 aziende tra cui alcune operanti a Milano e Trento, oltre che in Francia e nella Repubblica di San Marino. Tedesco, inoltre, aveva 171 rapporti economico-finanziari accesi presso 22 istituti di credito, Poste italiane e finanziarie varie il cui ammontare complessivo è tutt´ora in via di quantificazione. Complessivamente, al momento, aveva una disponibilità diretta di 100mila euro.

Ma chi ha dato il là al controllo della "Galassia Tedesco?". Un´imbarcazione di lusso battente bandiera di San Marino sventolante nel molo del porto di Marina di Ragusa. Un giorno del mese di ottobre del 2009 il generale della Guardia di Finanza Domenico Achille, da ieri promosso a generale di Corpo d´Armata, fa visita al comando provinciale di Ragusa. Il generale Achille e il colonnello Fallica vanno ad ammirare la bellezza del porto di Marina, fresco d´inaugurazione, da vicino, dalla banchina portuale. E gli occhi cadono sulla lussuosità di uno yacht con la bandiera di San Marino.

Chi è il proprietario, si sono chiesti i due alti ufficiali? Dai successivi controlli si è aperta una sorta di matrioska, che ha portato all´indagine congiunta con le altre forze investigative e al sequestro di un impero da cinque milioni di euro. L´udienza per la decisione sull´eventuale confisca dei beni è stata fissata per il gennaio 2012 davanti il Tribunale di Ragusa.

Sotto, il video del sequestro dei beni di Gaetano Tedesco. Clicca sul video per guardare