Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 2 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:28 - Lettori online 1263
RAGUSA - 01/11/2011
Cronache - Servizi contro i furti nelle campagne predisposti dai Carabinieri

Braccianti di giorno, ladri di notte: arrestati 3 albanesi

A bordo di un furgone Fiat Doblò, il terzetto rastrelava aziende agricole lungo la fascia costiera fra Donnalucata e Punta Secca. Sono stati presi in flagranza di reato
Foto CorrierediRagusa.it

I Carabinieri di Ragusa hanno tratto in arresto in flagranza del reato di furto aggravato in concorso tre giovani albanesi: Blerim Korreschi, 34enne residente a S. Croce Camerina, coniugato, lavoratore subordinato, pregiudicato, Erman Kola, 24enne domiciliato a Santa Croce Camerina - frazione Punta Braccetto, celibe, agricoltore, incensurato e Artur Rrasa, 22enne domiciliato a Vittoria, celibe, agricoltore, incensurato.

Verso mezzanotte, nel corso di un servizio volto al contrasto dei reati contro il patrimonio, in particolar modo di furti in aziende agricole, militari del Nucleo Operativo notavano, nella frazione Punta Secca, un autocarro Doblò Fiat (nella foto carico della refurtiva), con a bordo tre individui che procedevano a velocità moderata, sostando per brevissimi istanti nei pressi di abitazione estive attualmente disabitate. Insospettiti da tale comportamento, i militari decidevano di pedinare il predetto mezzo che, sempre con la stessa velocità e con le stesse modalità descritte, si dirigeva verso Marina di Ragusa e, superato quest’ultimo centro, proseguiva in direzione di Donnalucata, attraversando la circonvallazione. Giunti nei pressi del mercato ortofrutticolo i tre soggetti imboccavano la via Emilia e si inoltravano in mezzo alle serre.

I militari decidevano di non seguirli, al fine di non vanificare il servizio, decidendo di appostarsi nei pressi. Verso le due i tre individui si immettevano nuovamente sulla circonvallazione di Donnalucata e a velocità sostenuta si dirigevano verso Santa Croce Camerina, questa volta percorrendo strade interne e poco trafficate. Gli operanti notavano che il mezzo, a differenza del tragitto di andata, era vistosamente carico di materiale, pertanto decidevano di procedere al controllo, riuscendo a raggiungerlo e a bloccarlo a Santa Croce Camerina, lungo la circonvallazione Costa degli Angeli, con l’ausilio della pattuglia in turno del Nucleo Radiomobile.

Nel corso del controllo veniva appurato che all’interno del veicolo si trovavano svariati attrezzi (motore per il sollevamento acqua, compressore, saldatrici e utensili di varie misure) e fusti di anticrittogamici, utilizzati nel lavoro in aziende agricole. Ulteriori accertamenti consentivano di appurare che il materiale trovato in possesso dei tre albanesi era stato asportato da alcune azienda agricole ubicate a Scicli, frazione Donnalucata, contrada Milizie, dove poco prima gli operanti avevano notato entrare ed uscire i tre individui a bordo del Fiat Doblò. La refurtiva, interamente recuperata e per un valore complessivo di circa 20.000 euro, veniva immediatamente restituita ai legittimi proprietari. I tre giovani, dopo le formalità di rito, sono stati associati presso la casa circondariale di Ragusa a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.