Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:29 - Lettori online 1320
RAGUSA - 27/10/2011
Cronache - Il gelese Elio Franco Arancio incastrato da un militare in congedo

Carabiniere in congedo fa arrestare dipendente d´azienda

Trecento euro per ottenere un allaccio "facile" del contatore del gas. Durante l’installazione ha trovato i militari dell’Arma
Foto CorrierediRagusa.it

Trecento euro per cambiare il contatore del gas. Chiesti dal dipendene di un´azienda erogatrice di gas a un cliente particolare: un carabiniere in pensione. Che ha chiamato subito gli ex colleghi dell´Arma i quali hanno organizzato il piano per incastrare Elio Franco Arancio, 65 anni, gelese, incensurato(nella foto). L´uomo è stato arrestato in flagranza per il reato di concussione.

Il pensionato ex carabiniere, infatti, aveva fatto richiesta di allaccio alla rete del gas; Elio Franco Arancio si è presentato puntualmente per il sopralluogo ed ha fatto intendere all’uomo che ci sarebbero stati problemi per l´installazione, tuttavia superabili con un contatore speciale dal costo di 300 euro, da collocare al piano superiore piuttosto che a pianterreno, come previsto per legge.

L´ex militare ha fiutato il reato di concussione ed ha dato appuntamento all’installatore per il giorno dopo. Al sopralluogo hanno partecipato anche i carabinieri ancora in servizio, che si sono nascosti in un vano della casa al momento dell’incontro tra il proprietario e l’installatore. Il pensionato ha consegnato la somma in contante ricevendo il contatore, ma a quel punto i carabinieri sono intervenuti mettendo l’operario di fronte alle proprie responsabilità.

Elio Arancio, sottoposto a perquisizione personale, è stato trovato in possesso di mille e 300 euro di cui non ha saputo dare spiegazioni. I 300 euro sono stati restituiti al pensionato. Elio Franco Arancio, invece, è stato associato al carcere di contrada Pendente.

I carabinieri intanto proseguiranno le indagini per capire il metodo utilizzato dall’installatore per regolarizzare le pratiche ed hanno chiesto la collaborazione dei cittadini che eventualmente sono incappati nello stesso tipo di disavventura.