Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 10:51 - Lettori online 1116
RAGUSA - 20/08/2011
Cronache - Allerta caldo, un giorno di fuoco e gran lavoro per i Vigili

Maxi rogo distrugge 75 ettari di vegetazione a Cava Corallo

I Vigili del fuoco hanno impegnato gli elicotteri «Drago 6-2» decollati da Catania. Le fiamme hanno lambito la strada chiusa dalla Polizia provinciale e minacciato case. L’Enel ha disattivato dorsali in media tensione che attraversavano la cava
Foto CorrierediRagusa.it

Ritorna il grande caldo, ricominciano i colossali incendi. Come quello di Cava Corallo (foto), divampato alle 14,30 di venerdì che ha impegnato i Vigili del fuoco fino alle 19. Per spegnere le fiamme che hanno divorato circa 75 ettari di sterpaglie, distruggendo erbacce e minacciando case rurali e persino la strada che collega il Centro Seia con Castiglione.

Le squadre dei vigilfuoco della provincia hanno cominciato ad operare fin dalle 10 del mattino in varie zone del territorio per incedi di sterpaglie e vegetazione, per un totale nelle 12 ore effettuando ben 18 interventi.

L’incendio più serio, come detto, quello di contrada Cava Corallo, lungo la provinciale 20 Comiso-Santa Croce Camerina, per incendio sterpaglia e vegetazione. Il capo squadra intervenuto si è reso conto che l’incendio si propagava verso il cimitero di Comiso e verso le colline iblee in direzione della provinciale 13, la Castiglione-Piombo ed ha allertato la sala operativa del Comando.

Sono state, altresì, avviate le procedure per richiedere l’ausilio di un mezzo aereo, delle squadre della Forestale, del personale dei Comuni di Comiso e di Ragusa oltre che dei volontari del Dipartimento.

Due squadre VV.F. si sono posizionate nella parte sud sulla S.P. 20 a tutela di zone antropizzate, mentre le altre squadre hanno operato sulla provinciale 13 in prossimità dell’incrocio con la strada denominata dei Cento pozzi.

L’elicottero dei vigili «Drago 6-2» decollato dal nucleo elicotteri di Catania ha effettuato 10 lanci nella cava, per poi essere sostituito dal velivolo antincendio della Regione Sicilia «Sierra 2», che ha definitivamente spento ogni residuo focolaio nelle zone non raggiungibili dalle squadre a terra.

Per garantire le operazioni di spegnimento la Polizia provinciale ha chiuso al traffico la S.P. 13, mentre personale Enel ha disattivato due dorsali in media tensione che attraversavano la cava. In serata i Vigili sono intervenuti ancora per lo spegnimento di un incendio di canne in prossimità del museo di Camarina.