Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 443
RAGUSA - 17/08/2011
Cronache - L’operaio edile era stato prima assistito al "Civile" e poi trasferito nel nosocomio di Ibla

4° caso in 15 giorni: muore Nunzio Zago, 62 anni

I familiari hanno presentato denuncia alla Questura per fare chiarezza sul decesso
Foto CorrierediRagusa.it

Quarto caso in quindici giorni, il terzo negli ospedali del capoluogo. Nunzio Zago, 62 anni, operaio edile, (non funzionario della Corte dei conti come precedentemente riportato ndr.), è morto al reparto di cardiologia dell’ospedale «Maria Paternò Arezzo».

L’uomo era stato ricoverato per l´applicazione di due stand dopo essersi sottoposto qualche giorno prima a coronografia. I familiari lo avevano portato al Pronto soccorso dell’ospedale «Civile» (nella foto) da dove è stato subito trasferito al nosocomio di Ibla. Qui i medici avrebbero dovuto provvedere con un’angioplastica ma non c’è stato tempo perché Nunzio Zago è deceduto nel giro di mezzora. Questa la versione dei familiari così come è stata presentata nella denuncia alla Questura dove un congiunto di Nunzio Zago, tra lo sgomento e la rabbia si è precipitato di primo mattino in Questura per chiedere gli accertamenti della magistratura sulla morte dell´uomo, a cominciare dal sequestro della cartella clinica. Gli uffici erano ancora chiusi ed il congiunto di Nunzio Zago ha dovuto attendere che aprisse l´ufficio denunce per formalizzare la sua richiesta.

L´uomo deceduto a Ibla aveva subito un intervento al cuore con l´applicazione di un by-pass da pochi giorni e le sue condizioni sembravano preludere ad una pronta ripresa. Invece, i segnali dell´infarto, la corsa verso l´ospedale e poi la morte. Altro lavoro per la Procura della Repubblica che ha accumulato già quattro fascicoli mentre le polemiche infuriano sull’Asp di Ragusa e sul suo direttore generale Ettore Gilotta. Quattro morti in ospedale sono davvero troppe e bisognerà subito fare chiarezza anche per ristabilire quel rapporto di fiducia che lo stesso manager dell’Asp 7 ha invocato.