Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 906
RAGUSA - 23/01/2008
Cronache - Ragusa - E’ il terzo decesso sul lavoro in poco più di una settimana

Aperta inchiesta della Procura
sulla morte bianca alla "Tidona"

Si tratta del ragusano Giancarlo Settinieri. Lascia moglie e figli Foto Corrierediragusa.it

Un´inchiesta è stata avviata dalla Procura per far luce sull´incidente sul lavoro registratosi ieri pomeriggio nell’ area esterna dell’azienda di prefabbricati "Tidona" (nella foto) nella seconda fase della zona industriale di Ragusa.

La vittima è il ragusano Giancarlo Settinieri, 39 anni, sposato con figli. L’operaio è rimasto schiacciato, morendo sul colpo con il cranio fracassato. Un sopralluogo è stato effettuato nell´area, posta sotto sequestro, dai Carabinieri che stanno conducendo le indagini per accertare eventuali responsabilità di terzi. L´operaio era stato colpito in pieno da una grosso pannello compresso di cemento armato. La lastra si era sganciata da una rastrelliera all’esterno di un capannone della ditta «Tidona». La salma è stata intanto restituita ai familiari per le esequie funebri.

La provincia di Ragusa è stata flagellata dalle morti bianche. Tre incidenti sul lavoro in poco più di una settimana. Un gennaio macchiato di sangue. I sindacati sono sul piede di guerra e vogliono vederci chiaro.

L’altra morte bianca risale ad appena 48ore prima: era stato il muratore 53enne Nicolò Roberti, di Comiso, a precipitare nel vuoto da un muro altro tre metri in un cantiere di Vittoria. Il 15 gennaio il 75enne Giuseppe Corallo era invece stato travolto da un escavatore nella cava di pietra di contrada Tabuna, alle porte di Ragusa.