Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 19:51 - Lettori online 1248
RAGUSA - 27/07/2011
Cronache - L’agenzia di onoranze funebri aveva chiuso i battenti nel 2007, ma di fatto operava ancora

"Caro estinto": evasione fiscale per 5 milioni di euro

Accertata anche un’evasione all’Iva per oltre 490 mila euro Foto Corrierediragusa.it

Scoperta dalla Guardia di finanza una rilevantissima evasione fiscale operata da una ditta, che si occupa di servizi di pompe funebri, con sede legale a Ragusa, che formalmente ha cessato l’attività nel 2007, ma di fatto ha continuato ad operare fino al 2010. Il volume d’affari del titolare dell´agenzia di onoranze funebri, evasore totale, è stato ricostruito tramite accertamenti bancari e anche tramite meticolosi controlli incrociati presso i Comuni della provincia di Ragusa, dove sono stati analizzati i registri dei servizi cimiteriali e dei trasporti funebri.

L’attività di verifica fiscale ha portato ad accertare elementi positivi di reddito non dichiarati e non registrati per oltre 5 milioni di euro, con un imposta sul reddito evasa per oltre 2 milioni. Accertata anche un’evasione all’Iva per oltre 490 mila euro.

Il rappresentante legale della società sottoposta a verifica, è stato denunciato all’autorità giudiziaria competente per i reati di omessa dichiarazione e di occultamento o distruzione di documenti contabili di cui e´ obbligatoria la conservazione.

Infatti le Fiamme Gialle, una volta scoperta la poca propensione dell’agenzia funebre a dichiarare correttamente al fisco i propri guadagni, hanno proseguito con puntigliosità certosina l’investigazione, notando come sui registri in possesso dei Comuni venisse sempre riportato il nome della ditta che effettuava le onoranze funebri

Il confronto con i dati in possesso degli uffici di stato civile ha quindi consentito di rilevare alcuni nominativi di defunti per i quali le prestazioni funerarie effettivamente erogate, risultavano totalmente non dichiarate. Per altri funerali, invece, l’ importo era stato indicato solo in parte.

A quel punto sono scattati inevitabilmente gli accertamenti sui conti correnti dei responsabili per un caso sintomatico di evasione fiscale nel settore del «caro estinto».

E´ stato richiesto ed ottenuto dal Procuratore della Repubblica Carmelo Petralia il sequestro preventivo per equivalente dei beni di cui l´indagato ha disponibilità per un valore corrispondente all´importo di oltre 2 milioni di euro, ossia l’importo dell’imposta sui redditi evasa.

L’attività di lotta all’evasione fiscale, da parte della Guardia di Finanza di Ragusa, continuerà con grande attenzione nel settore delle onoranze funebri, dove a fronte di moltissime oneste insistono anche aziende non sane che approfittando anche del momento particolare in cui si svolgono le operazioni tendono a non essere fiscalmente virtuose. In tal senso è stato e sarà di assoluto rilievo la sinergia con i Comuni, in particolare con il Comune di Ragusa, al quale spetterà circa il 33% della somma totale evasa dal titolare dell´agenzia di onoranze funebri.