Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:21 - Lettori online 989
RAGUSA - 19/07/2011
Cronache - Dopo 5 mesi di indagini ha un volto l’autore delle rapine in banca

Arrestato Cannata, presunto rapinatore di 5 banche iblee

Decisivo il lavoro della Scientifica e le immagini visive. Il gip Claudio Maggioni ha firmato l’ordinanza d’arresto su richiesta del pm Serena Menegucci
Foto CorrierediRagusa.it

Lo hanno incastrato i riscontri fatti dalla Polizia Scientifica e le immagini visionate dalle telecamere a circuito chiuso. Il presunto rapinatore di 5 banche: la Carige di Comiso, Credem di Vittoria, la Bap di Ragusa agenzia di Pedalino, l’Unicredit e la Monte Paschi Siena di Vittoria si chiama Guglielmo Cannata (foto), 23 anni, incensurato. E’ stato spedito in cella a Ragusa dagli uomini della Squadra mobile di Ragusa, collaborati dai commissariati di Vittoria e Comiso.

Indagini difficili, perché il soggetto in questione era un incensurato fai-da-te. Mai una contestazione giudiziaria, mai una nota a suo carico negli archivi delle forze dell’ordine. Da febbraio a maggio 2011 si sarebbe reso protagonista di scorribande malavitose presso gli istituti di credito riuscendo a racimolare il discreto bottino di 35 mila euro. Entrava nelle banche come un normale cliente, in qualche caso attendeva persino la fila, poi estraeva il taglierino e si faceva consegnare il contante dal cassiere. Si riteneva soddisfatto d’avere beffato cinque istituti di credito e le forze dell’ordine che gli davano la caccia.

La conclusione delle indagini ha consentito al gip Claudio Maggioni di firmare l’ordinanza d’arresto su richiesta del sostituto procuratore Serena Menegucci, che ha coordinato le difficili indagini degli inquirenti. Adesso Cannata è in cella, anche se le indagini continuano per identificare il complice che fuori dalle banche faceva il palo.