Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 19:05 - Lettori online 1164
RAGUSA - 03/07/2011
Cronache - Sequestrati 32 conigli selvatici frutto della battuta e 270 cartucce a pallini

Caccia abusiva, denunciati 5 bracconieri di Riesi

Sono stati gli uomini della Polizia Provinciale ad intervenire in contrada Mazzarronello

Cinque cacciatori di Riesi sono finiti nelle maglie tese della Polizia provinciale. Gli agenti guidati dal comandante Raffaele Falconieri sono stati sorpresi all´interno di un fondo agricolo in contrada Mazzarronelo, al confine tra i territori di Acate e Mazzarrone.
I bracconieri non hanno avuto modo di sfuggire al controllo. La Polizia provinciale ha provveduto a sequestrare i 32 conigli selvatici che erano stati abbattuti da poco. Inoltre hanno recuperato 270 cartucce a pallini ancora cariche e due batterie per l´alimentazione di fari per l´illuminazione notturna.
I cinque cacciatori riesini erano ben attrezzati. Infatti, durante la successiva perquisizione, gli agenti hanno ritrovato sedici trappole utili per la cattura dei conigli selvatici, un faro mobile ed altri quattro conigli selvatici che erano stati posti all´interno di un frigorifero per evitare che andassero a male Probabilmente, l´intenzione dei cacciatori era quella di stare fuori fino all´alba, in modo da portare a casa un bottino ben più consistente di quello che avevano già fatto.

I loro piani sono saltati nel momento in cui la Polizia provinciale ha individuato la loro zona d´azione ed è intervenuta bloccandone ogni via di fuga all´interno del fondo agricolo in cui si trovavano in quel momento.
I cinque sono stati, quindi, identificati e tutto il materiale che avevano è stato posto sotto sequestro. Quindi, è scattata la denuncia per furto venatorio in concorso ed esercizio della caccia in un periodo di divieto generale.
Salgono così a dieci i bracconieri trovati con le armi imbracciate da parte della Polizia provinciale.

Il numero di conigli selvatici sequestrato è già altissimo. L´attenzione degli uomini del comandante Falconieri resta alta perché questo è considerato un periodo estremamente a rischio. I timori ed i sospetti hanno trovato puntualmente riscontro in questi giorni di controlli a tappeto nel territorio che, di norma, è quello più battuto dai cacciatori senza scrupoli.