Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 12:30 - Lettori online 772
RAGUSA - 14/06/2011
Cronache - La quotidiana lotta all’evasione delle Fiamme gialle

Trasporto su gommato: evasori scoperti a Vittoria e Comiso

Contestate violazioni amministrative per circa 2 milioni e mezzo di euro
Foto CorrierediRagusa.it

La quotidiana lotta condotta dalla Guardia di Finanza di Ragusa diretta dal comandante provinciale Francesco Fallica (foto) contro l’evasione fiscale ha permesso ai militari del Nucleo di Polizia Tributaria di constatare violazioni amministrative per circa 2 milioni e mezzo di euro.

In particolare, le verifiche condotte nei confronti di una società vittoriese e di una cooperativa di Comiso, entrambe operanti nel trasporto su strada di prodotti ortofrutticoli, ha portato alla scoperta di cospicui redditi sottratti al fisco.

Utilizzando fatture per operazioni inesistenti emesse da una ditta compiacente, negli anni 2006 e 2007 la società ipparina ha infatti contabilizzato costi fittizi per quasi un milione 200 mila euro, abbattendo indebitamente il proprio reddito e non pagando le relative imposte.

La cooperativa comisana ha invece omesso di dichiarare nel 2009 redditi per oltre 400 mila euro ed Iva per quasi 200 mila, «dimenticando» altresì di versare, relativamente alle vendite regolarmente annotate, circa 650 mila euro di Imposte sul Valore Aggiunto.

Il settore dell’autotrasporto è sottoposto da parte della Guardia di Finanza ad un continuo monitoraggio in quanto è particolarmente delicato e funzionale alle attività di maggior rilievo della provincia.

Tali violazioni amministrative sono state concordate con l’Agenzia delle Entrate, che provvederà alle relative conseguenti procedure, mentre i rappresentanti legali delle due imprese sono stati denunciati alla competente Autorità Giudiziaria per violazione delle vigenti norme penali-tributarie (Decreto Legislativo nr.74 del 2000).