Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 247
RAGUSA - 29/03/2011
Cronache - Ragusa: gli sviluppi sul raggiro di 22 milioni di euro a Vittoria e nel resto della provincia

Mega truffa, indagini a Milano negli uffici di Termini

Il consulente collabora. La Finanza vuole scoprire dove sono finiti i soldi e chi c’è dietro. Controlli a tappeto anche in Lombardia, stessa zona già oggetto di inchieste giudiziarie Foto Corrierediragusa.it

Individuare dove sono andati a finire i circa 20 milioni di euro sottratti dai conti correnti dei risparmiatori-investitori di Vittoria e del resto dell’Italia. Mirano a questo le indagini condotte dalla Guardia di finanza di Ragusa, coordinate dalla Procura della Repubblica. L’attività investigativa che ha come soggetto principale il presidente della Technical & trend Gerlando Termini, si sta spostando al Nord, esattamente in corso Buenos Aires (foto) al civico 20. La stessa zona della capitale lombarda che, guarda caso, è stata in passato oggetto di attenzioni giudiziarie, per fatti di alta criminalità organizzata, da parte della Polizia ragusana, vittoriese e della Dda di Catania, con coinvolgimento di esponenti vittoriesi attualmente collaboratori di giustizia.

«L’attività continua senza sosta- affermano al Comando provinciale della Finanza- e la disamina della copiosa documentazione cartacea ed informatica acquisita, sia pure ancora agli inizi, sta permettendo di ricostruire il vorticoso flusso dei capitali gestiti dalla società». Fatto molto importante, la conferma che il consulente Termini sta fornendo piena e continua collaborazione agli inquirenti che cercando di svelare i meccanismi della truffa e chiarire i vari aspetti della vicenda.

«Procura e Fiamme Gialle- ribadiscono gli inquirenti di via Archimede- non lesinano l’impegno per scoprire dove sia finito il denaro fraudolentemente sottratto ai risparmiatori, oltre ad individuare tutti coloro che, a diverso titolo, hanno partecipato alla truffa».

Nessuno conferma, in questo stato delicato delle indagini, ma si ha la sensazione che la mega inchiesta sulla colossale truffa possa portare a nuove, inaudite e insospettabili scenari nel mondo finanziario. Sono troppi i soldi prosciugati da semplici conti correnti e finiti in società sulla cui origine, trasparenza e affidabilità la finanza vuole capire tutto.