Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 10:51 - Lettori online 1135
RAGUSA - 19/03/2011
Cronache - Ragusa: il significativo dato delle operazioni della Finanza in meno di 2 anni

La provincia iblea "patria" dei furbi: 10 milioni di evasione

E’ la conferma di quanto reso di recente noto da Il sole 24 ore, secondo cui la provincia iblea è ai vertici della classifica regionale degli evasori fiscali per il secondo anno consecutivo

La provincia iblea "patria" di evasori piccoli e grandi. L´evasione fiscale ha raggiunto l´allarmante soglia di circa dieci milioni di euro in meno di due anni. Sono una decina i casi di un certo rilievo scoperti tra la fine del 2009 e i primi due mesi del 2011 tra Ragusa, Modica e Vittoria, nei settori dell’edilizia, della ristorazione e del lavoro nelle serre, con l’accertamento di oltre un centinaio di persone impiegate in nero.

E’ il bilancio dell’attività della guardia di finanza, che rispecchia il poco edificante dato reso di recente noto da Il sole 24 ore, secondo cui la provincia iblea è ai vertici della classifica regionale degli evasori fiscali per il secondo anno consecutivo. Al di la dei casi eclatanti scoperti dalle Fiamme gialle e conclusisi con la denuncia dei maxi evasori, sono centinaia i piccoli evasori con cui i finanzieri fanno ogni giorno i conti. Risultano non proprio operativi nella lotta all’evasione invece i vari comuni. Pozzallo un paio d’anni fa aveva stipulato un accordo di reciproco scambio d’informazioni con l’agenzia delle entrate di Modica per stanare gli evasori, ma non sono mai stati resi noti i risultati di questa partnership.

A Modica invece di recente l’assessore al bilancio ha promesso una lotta strenua agli evasori, sebbene alle parole non siano ancora seguiti i fatti. Sarebbero difatti centinaia i contribuenti che non pagano i tributi, o pagano meno perché dichiarano dati non rispondenti alla realtà, in particolare per quanto riguarda spazzatura e acqua. Ragusa non ha mai reso noto nessun dato sul contrasto all’evasione, eppure è proprio nel capoluogo che insistono maggiormente le seconde case, anche di lusso, nonché bolidi fuoriserie ed imbarcazioni di prestigio.