Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 887
RAGUSA - 18/02/2011
Cronache - Ragusa: due denunce della guardia di finanza

Promotore finanziario truffa i clienti per giocare ai casinò

Il truffatore lavorava alla "Unicredit Xelion Banca S.p.A." di Milano, oggi "Unicredit Group – Fineco Bank", risultata estranea al raggiro Foto Corrierediragusa.it

Si giocava i soldi dei suoi clienti in lussuosi casinò, vantandosi peraltro d´essere un "mago della finanza", quando in realtà era un "artista della truffa". E così un promotore finanziario di una banca nazionale è stato denunciato per avero compiuto una truffa da 250 mila euro. Si tratta di M.S. La guardia di finanza ha denunciato anche la moglie I.M., quest´ultima per favoreggiamento. Le indagini sono state coordinate dal sostituto procuratore di Ragusa, Marco Rota.

L´inchiesta è scaturita in seguito alle denunce presentate da vari clienti, alcuni dei quali amici e parenti, nei confronti dell´ex promotore finanziario della "Unicredit Xelion Banca S.p.A." di Milano, oggi "Unicredit Group – Fineco Bank", risultata estranea al raggiro, ai quali prometteva investimenti finanziari dagli elevati interessi e sicuri guadagni. Il promotore avrebbe speso i soldi dei suoi clienti, vittime del raggiro, nei più famosi casinò d´Europa, quali Campione d´Italia, Saint-Vincent, Sanremo, Venezia e Malta.

Gli investigatori hanno anche scoperto e ricostruito numerosi viaggi all´estero, compiuti dai coniugi ragusani. In una di queste trasferte in Svizzera, nel febbraio 2009, i militari della Guardia di Finanza di Ponte Chiasso (Co), bloccarono l´uomo con un assegno emesso da un suo amico di oltre euro 50 mila euro che fu sequestrato per illecita esportazioni di valuta all´estero. Sono una decina le persone rimaste coinvolte nella truffa che hanno presentato una denuncia alla magistratura.