Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 18:19 - Lettori online 803
RAGUSA - 05/02/2011
Cronache - Ragusa: il questore di Ragusa ha inflitto la pena a dieci persone per l’aggressione all’arbitro

Dopo la rissa di Virtus Scicli-Casteldaccia arriva il Daspo

Cinque anni per allenatore e capitano della Virtus, quattro per gli altri otto

Daspo per dieci persone. E’ questo l’epilogo dell’incontro di calcio a 5 tra la Virtus Scicli e l’Olimpia Casteldaccia, campionato di C1, girone A, disputato a Vittoria, dove il club ha sede nonostante la ragione sociale, lo scorso 8 gennaio.

Il questore di Ragusa, Filippo Barboso, ha emesso il provvedimento di divieto di presenza a manifestazioni sportive per cinque anni all’allenatore ed a uno dei giocatori della Virtus Scicli, e di quattro anni per gli altri partecipanti alla gara. I fatti si verificarono presso il «Palazzetto dello Sport» di Vittoria, al termine del quale è stato richiesto l’intervento della Polizia, in quanto l’allenatore ed i giocatori della «Virtus Scicli» avevano minacciato ed aggredito fisicamente i due arbitri, mentre si trovavano nel corridoio che conduce agli spogliatoi, procurandogli lesioni e costringendoli a rifugiarsi all’interno di uno di essi.

Erano presenti persone, che avevano assistito all’incontro e stavano defluendo verso l’uscita.
Allenatore e capitano hanno c concorso nell’aggressione, mentre gli altri otto hanno partecipato con vari ruoli.
Le loro condotte, difatti, avevano creato un grave pericolo per l’ordine pubblico.