Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 17:16 - Lettori online 1031
RAGUSA - 15/01/2011
Cronache - Ragusa: il caso affidato al professore e avvocato Giovanni Grasso

Tanti pazienti accusano Civello. L´avvocato: "Tutte falsità"

"Le accuse a carico del mio assistito sono infondate. Sbezzi: "Nel fascicolo d’accusa non c’è traccia di asportazioni d’organi sani, di diagnosi volutamente sbagliate e di interventi chirurgici non necessari. Questa situazione è indegna di un Paese civile" Foto Corrierediragusa.it

"Le accuse a carico del mio assistito sono infondate. Nel fascicolo d´accusa non c´è traccia di asportazioni d´organi sani, di diagnosi volutamente sbagliate e di interventi chirurgici non necessari. Questa situazione è indegna di un Paese civile". Michele Sbezzi, avvocato di Ignazio Massimo Civello, il primario dell´ospedale di Ragusa finito ieri agli arresti domiciliari con l´accusa di concussione, lesioni personali, truffa ai danni del servizio sanitario e falso è determinato. Intanto per la prossima settimana è stato fissato l´interrogatorio di garanzia del dottor Massimo Civello dinanzi al giudice per le indagini preliminari.

Il caso del primario Civello è stato affidato al professore e avvocato Giovanni Grasso, ordinario di Diritto penale all´Università di Catania. Il professionista sta studiando un fascicolo di 3 mila pagine ed ha accettato la difesa, insieme a Michele Sbezzi, del chirurgo Civello. "Rieniamo- ha detto l´avvocato Sbezzi- di potere contestare tutte le accuse del nostro assistito. Comprese quella di truffa per assenza dal posto di lavoro, per il primario non il primario non deve giustificare l´orario di serivzio. In settimana ci sarà l´interrogatorio di garanzia davanti al gip Claudio Maggioni".

LA COMMISSIONE D´INCHIESTA
La Commissione d´inchiesta sul Servizio Sanitario Nazionale, presieduta da Ignazio Marino, ha dato mandato al nucleo Nas, in servizio presso i propri uffici, di avviare una istruttoria su quanto accaduto all´ospedale di Ragusa. L´ispezione sarà avviata nei prossimi giorni.

LA CARRIERA DI CIVELLO A RAGUSA
Era arrivato all’ospedale Civile di Ragusa il primo maggio del 2008 preceduto da una fama quasi pontificale, il professore Ignazio Massimo Civello, il chirurgo che si vantava d’aver infilato il suo bisturi dentro il corpo di Papa Karol Wojtyla al Gemelli di Roma. E i ragusani l’avevano accolto come il luminare-santo che avrebbe fatto i miracoli della chirurgia a Ragusa piuttosto che al Nord. I Nas di Ragusa, dopo due anni indagini hanno effettuato un «intervento invasivo», per rimanere in gergo, tanto da demolire fama e un impero economico prima che sanitario. Da ieri mattina il primario Civello è bloccato nella sua villa megagalattica di contrada Cinque vie nel frigintinese, agli arresti domiciliari, con la prescrizione di non allontanarsi dall’abitazione e di non comunicare con persone diverse da quelle che con lui coabitano.

I primi chiacchiericci sulla venalità del primario
In pochi mesi, da quel maggio del 2008, il chiacchiericcio sulla venalità del primario è arrivato alle orecchie dei Carabinieri del Nas che hanno raccolto dolori e testimonianze di parenti di pazienti affetti da cancro e da altre gravi patologie. E hanno avviato indagini a 360°, piazzando cimici anche nella sue stanze di lavoro e intercettando telefonate fra il professore e i suoi più stretti collaboratori. E’ venuta fuori un’ordinanza di custodia cautelare di una trentina di pagine dove ci sono contenute conversazioni, a detta degli inquirenti, da fare accapponare la pelle.

"Stanza a pagamento o Alpi (Attività libera professionale intramoenia), io non faccio credito a nessuno
Le vittime del «cappio» sanitario, oltre che delle malattie gravi, costrette a accendere mutui in banca, a vendere beni immobili o a fare la colletta per sconfiggere il male incurabile affidandosi alle abili mani del primario Ignazio Civello, i parenti e gli stessi ammalati. Interventi a pagamento per una media di 5-6 mila euro. E se per caso l’intervento si presentava più difficile del previsto, il prezzo pattuito poteva anche salire a 9 mila euro. E i patti si dovevano rispettare, perché «stanza a pagamento o Alpi (Attività libera professionale intramoenia) …io non faccio credito a nessuno», diceva il professore. Frasi come queste i militari del Nas hanno ascoltato e registrato e trascritto nel dossier presentato al procuratore della Repubblica di Ragusa Carmelo Petralia, che ha firmato la richiesta d’arresto, e poi al gip Claudio Maggioni, che ha firmato l’ordinanza trasformando il carcere nella più clemente custodia domiciliare. Il giudice ha rigettato la richiesta del carcere per Civello e i domiciliari per i 3 medici collaboratori del professore, Vincenzo Antonacci Vincenzo, romano; Carmelo Iozzia, camarinense residente a Ragusa; e Giuseppe Lombardo, vittoriese residente a Comiso, che sono stati solo denunciati a piede libero.

Gli inquirenti studiano l’ipotesi del reato associativo e le indagini potrebbero allargarsi a macchia d’olio fino a far tremare altri pilastri della sanità ragusana. I capi d’imputazione per Civello, difeso dall’avvocato Michele Sbezzi, sono gravissimi. Concussione, falsità materiale e ideologica e truffa aggravata ai danni del Servizio sanitario nazionale. Secondo la magistratura inquirente, il professore Civello chiudeva le porte sanitarie della struttura pubblica, le cui liste d’attesa risultavano lunghissime anche di anni, e apriva quelle private, persino al di là dello Stretto, garantendo interventi migliori al fine evitare guai alla salute del paziente e dando la possibilità di essere «operati anche domani» dallo stesso chirurgo qualora fosse stata presa «la stanza a pagamento»; scongiurando così il pericolo che i tempi d’attesa per l’esecuzione dell’intervento potessero determinare la degenerazione delle patologie accertate in un «più grave cancro». Non è frutto della fantasia degli inquirenti, tutto ciò, ma denunce di pazienti e intercettazione a cui sono stati prosciugati averi e risparmi per sconfiggere il cancro.

All´ex direttore generale Calogero Termini non era giunta alcuna denuncia pubblica
Incredulo e sbigottito l´ex direttore generale dell’Azienda ospedaliera di Ragusa Calogero Termini dopo quanto successo. Alle orecchie del direttore generale oltre un fisiologico chiacchiericcio sulla «venalità di Civello non è mai arrivato niente. Nessuna denuncia pubblica. Ma i pazienti hanno vuotato il sacco ai Carabinieri del Nas.

I Nas e la Procura di Ragusa hanno scardinato un sistema che durava da due anni
«Non è stata un’indagine facile- afferma il luogotenente dei Nas di Ragusa Ermidio Cardì- dobbiamo molto al lavoro e alla tenacia del procuratore capo Carmelo Petralia se oggi siamo riusciti a scardinare questo sistema sanitario. Un elogio è doveroso farlo nei confronti del collega luogotenente Giuseppe Faraci (mentre il colonnello Ernesto Di Gregorio teneva la conferenza stampa al Comando provinciale, egli stava effettuando la perquisizione domiciliare in casa Civello, n.d.c.) che dalla prima denuncia dei pazienti sulle pretese economiche del chirurgo ha iniziato un’indagine lunga, dura e certosina».
L’assessore regionale alla Sanità Massimo Russo, nonché ex magistrato, è costretto ad avviare un’altra ispezione assessoriale. "Siamo sconcertati per quello che è successo e per questo motivo ho già avviato un´ispezione per comprendere come sia potuto accadere e, soprattutto, per verificare se tutto ciò sia il risultato di un sistema di connivenze. Nel contempo ho chiesto anche una relazione dettagliata al direttore generale dell´Azienda sanitaria provinciale di Ragusa". Questa è la reazione di Massimo Russo dopo la notizia dell’arresto per concussione del primario dell´ospedale di Ragusa, eseguito dai carabinieri del Nas. "Voglio esprimere inoltre - continua Russo - un plauso ai Carabinieri e alla Magistratura, per avere portato alla luce una vicenda che mi auguro sia solo un caso isolato, anche se protrattosi nel tempo. In ogni caso, già domani, chiederò ufficialmente gli atti dell´inchiesta alla Procura di Ragusa".

L´ARRESTO DI IGNAZIO MASSIMO CIVELLO, OPERAVA A PAGAMENTO NELL´OSPEDALE PUBBLICO ASPORTANDO ORGANI SANI
di Antonio Di Raimondo

Concussione, falsità materiale e ideologica, truffa aggravata in danno al Servizio sanitario nazionale. Pesano come macigni le accuse a carico del primario di Chirurgia dell’ospedale civile di Ragusa Massimo Ignazio Civello (nella foto), arrestato dai Carabinieri dei Nas di Catania a conclusione di indagini scattate nel 2008. Tre collaboratori medici del primario Civello sono stati denunciati a piede libero. Si tratta di Vincenzo Antonacci 59 anni, romano; Carmelo Iozzia, 51 anni, di Santa Croce Camerina; Giuseppe Lombardo 59 anni, nato a Vittoria e residente a Comiso. La posizione giudiziaria di quest’ultimi è più leggera rispetto a quella del primario, tant’è che i 3 sono stati solo denunciati. Le indagini sono coordinate dal procuratore capo della Repubblica Carmelo Petralia e l’ordinanza di custodia cautelare è stata firmata dal gip Claudio Maggioni. La Procura sta approfondendo le indagini anche nei confronti di altri soggetti per verificare se sussista l’ipotesi del reato associativo.

Il primario è stato arrestato a Catania dal colonnello dei Carabinieri Nas etnei Ernesto Di Gregorio. Da tempo Massimo Civello respirava aria pesante attorno a sé, ma mai avrebbe immaginato che sarebbe scattato l’arresto a suo carico. Secondo l’accusa le lunghe indagini avrebbero accertato alterazioni di liste d´attesa e falsificazioni dei registri di sala operatoria. In alcuni casi il primario e la sua équipe avrebbero asportato organi perfettamente sani, come una ovaia ad una giovane donna e l´unico rene funzionante ad un´altra paziente che da quel momento era stata costretta a sottoporsi a dialisi. Sarebbero anche stati asportati, per tumori non esistenti, due stomaci.

In una occasione una paziente sarebbe stata operata due volte nell´arco di pochi giorni prima per la patologia della quale soffriva, poi per rimuovere una garza dimenticata nel suo addome. Il secondo intervento sarebbe stato giustificato con una falsa diagnosi per una nuova ed inesistente patologia. Il medico è accusato di concussione, falso ideologico e materiale e abuso d´ufficio, avendo indotto i pazienti ricoverati a scegliere di essere operati a pagamento in regime di attività libero professionale intramoenia, danneggiando i pazienti dal punto di vista della salute, talvolta anche in maniera irreparabile.