Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 338
RAGUSA - 22/12/2010
Cronache - Ragusa: rivendevano a prezzi stracciati la merce rubata

A Ragusa furti al supermercato, due arrestati

La coppia si era specializzata in superalcolici e derrate alimentari

Un supermercato parallelo a prezzi molto concorrenziali, anzi stracciati. Due cittadini rumeni avevano trovato il modo di rifornirsi di superalcolici e derrate alimentari da rivendere poi ad amici e conoscenti rumeni a prezzi di favore, non meno del cinquanta per cento.

Per Silviu Spinache, 32 anni, e Ana Maria Dulna, 31, conviventi e residenti nella zona ovest della città, sono stati tratti in arresto per furto aggravato e continuato tra loro. Il sistema che avevano escogitato ha funzionato per qualche tempo, ma gli agenti della sezione volanti sono riusciti a venirne a capo dopo quella che sembrava una segnalazione di routine.

Una telefonata al 113 ha infatti segnalato una coppia che si aggirava con fare sospetto nei pressi di un supermercato nella parte alta della città. Gli agenti hanno individuato la coppia non appena i due cittadini rumeni sono usciti dal supermercato e stavano cercando di allontanarsi con una certa fretta.

I due hanno esibito uno scontrino non appena richiesti ma gli agenti hanno successivamente notato delle bottiglie di liquore contenute nella borsa della donna. Un furto vero e proprio che i due hanno confessato. Non è finita lì perché un ulteriore controllo a casa consentiva agli agenti di trovare un cospicuo quantitativo di superalcolici ed altri generi alimentari proveniente, come è stato successivamente accertato da vari supermercati e frutto di colpi consumati nell’ultimo mese. Messi di fronte al fatto compiuto a Silvi Spinache e Ana Maria Dulan non è rimasto che confessare e per loro sono scattate le manette.