Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:18 - Lettori online 385
RAGUSA - 14/12/2010
Cronache - Ragusa: 7 nomi nel registro degli indagati per l’ipotesi di reato di omicidio colposo in concorso

I funerali di Cappello. Nessuna novità dall´inchiesta

L’autopsia effettuata all’obitorio del cimitero di Ragusa superiore avrebbe confermato, seppur in maniera ufficiosa, le cause del decesso: anossia, ovvero la mancanza di ossigeno al cervello
Foto CorrierediRagusa.it

Una giornata fredda e uggiosa, con una leggera pioggia, ha accolto nella piccola chiesa di Santa Caterina da Siena a Donnalucata la composta folla di amici e parenti che ha voluto rivolgere stamani l’ultimo saluto ad Antonino Cappello (nella foto), il modicano di 36 anni deceduto sabato scorso al Civile di Ragusa. Il tempio non è bastato a contenere i presenti, assiepati nel cortile esterno, nonostante il maltempo.

Cappello, che risiedeva a Donnalucata con la moglie e le quattro figlie in tenera età, stava tutti i giorni a Modica, dove, fino a un paio di mesi fa, gestiva una rivendita di orto frutta. La maggior parte delle persone presenti ai funerali erano difatti del comprensorio modicano. Don Rosario Sultana, nella sua breve ma intensa omelia, ha evidenziato commosso il nobile gesto della famiglia di donare gli organi di Antonino, per far vivere altre persone. «Il grande gesto di una famiglia semplice», ha scandito il sacerdote. In un composto silenzio, amici e parenti hanno accompagnato la bara all’esterno della chiesa, per l’ultimo viaggio di Antonino Cappello. Nessuna novità intanto sul fronte giudiziario.

Nell’inchiesta della procura per l’ipotesi di omicidio colposo restano finora iscritti sette indagati tra chirurghi, cardiologi ed anestesisti della «Clinica del Mediterraneo», dov’erano sorte le complicanze, nelle fasi iniziali dell’anestesia, prima dell’intervento alla tiroide al quale lo sfortunato modicano doveva essere sottoposto.

GLI ESITI UFFICIOSI DELL´AUTOPSIA
L’autopsia effettuata all’obitorio del cimitero di Ragusa superiore avrebbe confermato, seppur in maniera ufficiosa, le cause del decesso: anossia, ovvero la mancanza di ossigeno al cervello. Il medico legale si è preso i canonici 90 giorni di tempo per la perizia, ma è molto probabile che gli esiti ufficiali vengano resi noti prima.

SETTE NOMI NEL REGISTRO DEGLI INDAGATI
Fino ad allora l’avvocato Antonio Borrometi, nominato dalla famiglia Cappello, attenderà gli sviluppi dell’inchiesta avviata dalla procura di Ragusa, che vede sette nomi iscritti nel registro degli indagati. Si tratta di medici chirurghi, cardiologi ed anestesisti della «Clinica del Mediterraneo», a carico dei quali è prospettabile l’ipotesi di reato di omicidio colposo in concorso.

L´INDAGINE INTERNA E L´ISPEZIONE MINISTERIALE
All’indagine della procura si affianca quella interna avviata dalla direzione sanitaria della struttura, e l’ispezione disposta dall’assessorato regionale alla sanità. La sala operatoria della «Clinica del Mediterraneo» resta sotto sequestro giudiziario, ma nella struttura privata convenzionata con l’Asp 7 e sprovvista di rianimazione, sono già riprese le operazioni chirurgiche, che vengono praticate nelle altre due sale operatorie, dopo il nulla osta dei carabinieri del nucleo antisofisticazioni.

IL DIRETTORE SANITARIO PACINI: "ABBIAMO FATTO IL POSSIBILE"
Intanto il direttore sanitario della «Clinica del Mediterraneo» Salvatore Pacini si dice vicino al dolore della moglie e dei familiari del modicano, ribadendo che per il paziente è stato fatto tutto il possibile.

IL RICORDO DI ANTONINO CAPPELLO
Un gran lavoratore dal carattere riservato, che si faceva vedere poco in giro. Così i vicini di casa descrivo Antonino Cappello. Nell’abitazione di via Bari a Donnalucata ci stavano la moglie, casalinga, e le quattro figlie di età compresa tra i 5 e i 12 anni. Cappello, in quella casa, ci passava praticamente solo la notte. Spesso difatti non tornava neanche per pranzare. Fino a un paio di mesi fa Cappello gestiva un’avviata salumeria e rivendita di ortofrutta in piazza Corrado Rizzone, nel centro storico di Modica.

CAPPELLO: DA UN LAVORO AD UN ALTRO
Il negozio era praticamente la seconda casa di Antonino Cappello. Poi l’uomo cedette l’attività, ma si faceva sempre vedere in zona, e con i commercianti aveva mantenuto un solido rapporto d’amicizia. Da qualche settimana, Antonino Cappello si occupava della consegna a domicilio delle bombole gpl nello Sciclitano. Si alzava spesso presto la mattina e si metteva alla guida del suo furgone.

LA DECISIONE DELL´OPERAZIONE, IL DECESSO E LA DONAZIONE DEGLI ORGANI
Poi la decisione di operarsi alla tiroide, troppe volte rinviata a causa dei molteplici impegni. Purtroppo le fasi iniziali dell’anestesia nella «Clinica del Mediterraneo» venerdì scorso si sono rivelate fatali. La moglie ha deciso per l’espianto degli organi. Fegato e reni sono stati dunque prelevati per far vivere altre persone.

Nella foto il tribunale di Ragusa