Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:23 - Lettori online 995
RAGUSA - 13/12/2010
Cronache - Ragusa: non si salva più nemmeno la mensa interaziendale

I ladri fanno le "provviste" di Natale nella zona industriale

Ha buone ragioni per protestare Giovanni Corallo, presidente del parco commerciale "Isole iblee"

Ed i ladri fanno le provviste per Natale. E’ successo alla mensa interaziendale della zona industriale dove i ladri hanno messo a segno l’ultimo dei tanti colpi consumati. I malviventi hanno agito senza lasciare tracce ed indisturbati; hanno caricato su un camion pasta, scatolame, bibite e quanto hanno trovato nel magazzino annesso alle cucine. La polizia cercherà di trovare qualche indizio che possa mettere sulla strada giusta ma le speranze sono veramente poche. Eppure tutta la zona è stata dotata di un avanzato sistema di telesorveglianza che tuttavia non è stato mai attivato. Ha buone ragioni per protestare dunque Giovanni Corallo, presidente del parco commerciale "Isole iblee", che si trova proprio nell´area industriale alla periferia della città.

Corallo ricorda che per questo sistema «sono state spese centinaia di migliaia di euro» mentre «continua ad essere inutilizzato per uno di quei classici palleggiamenti di responsabilità tra enti, di cui, come sempre, a farne le spese sono i cittadini, in questo caso gli insediati nell´area industriale». Corallo fa presente che «fare i conti anche con vandalismi e furti abbatte ancora di più gli imprenditori che spererebbero, piuttosto, in un´inversione di tendenza rispetto all´applicazione di misure che, come del caso della telesorveglianza, potrebbe assumere un valore preventivo di notevole importanza».

Il parco commerciale chiede maggiori controlli alle forze dell´ordine, ma anche di attivare le procedure per sbloccare la telesorveglianza, pagata con i soldi della collettività.