Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:06 - Lettori online 1447
RAGUSA - 30/10/2010
Cronache - Ragusa: i controlli contabili della Guardia di finanza

Evasione fiscale per 300mila euro, denunciato titolare ditta

Inoltre i finanzieri hanno contestato l’emissione di fatture per operazioni inesistenti per un importo complessivo di oltre 117 mila euro

Nell’ambito dell’attività di contrasto all´ evasione fiscale, le Fiamme Gialle della Compagnia di Ragusa, hanno scoperto una rilevante frode fiscale operata da una società esercente l’attività di lavori generali di costruzioni edifici, con sede legale a Ragusa, che di fatto non è più operativa. L’attività di verifica fiscale ha portato ad accertare oltre 230mila euro non dichiarati al fisco e un’evasione all’Iva per oltre 67 mila euro. Il titolare è stato denunciato all’autorità giudiziaria.

Inoltre i finanzieri hanno contestato l’emissione di fatture per operazioni inesistenti per un importo complessivo di oltre 117 mila euro. Tali fatture, che sono state ritenute false dalla Finanza, risultavano emesse per noleggio di attrezzature varie nei confronti di un’altra impresa, operante nello stesso settore edile, al fine di consentire a quest’ultima l’evasione delle imposte sui redditi e sul valore aggiunto.

Diversi fattori hanno condotto le Fiamme Gialle a nutrire fondati dubbi sull’autenticità di tale documentazione contabile: in primo luogo l’estrema genericità delle operazioni descritte nelle citate fatture, a fronte del loro cospicuo ammontare complessivo, e poi il fatto che tali fatture fossero state emesse nei confronti di un’altra impresa, facente capo al figlio del rappresentante legale della ditta sottoposta a verifica. Ulteriori accertamenti hanno poi consentito di appurare che a fronte di tali fatture non corrispondeva l’effettivo pagamento delle stesse.