Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 10:57 - Lettori online 786
RAGUSA - 01/10/2010
Cronache - Ragusa: hanno agito i carabinieri con il coordinamento della procura antimafia di Catania

Mafia Vittoria-Niscemi, presi Rimmaudo, Aparo e Russotto

I tre vittoriesi agivano armati di mitragliette kalashnikov e pistole, occupandosi di omicidi su commissione tra clan rivali e traffico di cocaina
Foto CorrierediRagusa.it

Erano il braccio armato che collegava il clan mafioso di Vittoria con quello ancora più solido ed agguerrito di Niscemi. Tre vittoriesi della famiglia Piscopo sono stati arrestati dai Carabinieri per associazione mafiosa. Le manette sono scattate per Giovanni Rimmaudo, Alessandro Aparo e Salvatore Russotto, di 32, 28 e 36 anni.

I tre vittoriesi agivano armati di mitragliette kalashnikov e pistole, occupandosi di omicidi su commissione tra clan rivali e traffico di cocaina, ponendo in essere un pericoloso sodalizio tra i Piscopo e la triade niscemese Ficicchia – Lodato – Lombardo.

Le indagini che hanno portato all’arresto dei tre vittoriesi partirono nel giugno 2009, un anno dopo il tentato omicidio di Giovanni Antonuccio per l’egemonia territoriale tra i clan Piscopo e Dominante nel territorio di Vittoria.

Determinanti si sono rivelate le dichiarazioni di alcuni collaboratori di giustizia, ad uno dei quali i clan volevano addirittura uccidere la figlia per ritorsione. Con questi tre arresti è stata dunque spezzata una pericolosa catena che si estendeva lungo l’asse Vittoria – Niscemi con l’obiettivo dei clan di mettere le mani sul territorio e gestire in primis il traffico di droga.

I particolari dell´operazione sono stati resi noti dal procuratore aggiunto della direzione distrettuale antimafia di Catania Giuseppe Toscano, dal comandante provinciale dei carabinieri Nicodemo Macrì, dal capitano Alessio Artioli e dal capitano Carmine Gesualdo (nella foto in alto).

Sotto, le foto degli arrestati negli scatti di ANTONIO GERRATANA - TUTTI I DIRITTI RISERVATI - RIPRODUZIONE VIETATA. Cliccateci per ingrandirle

Alessandro Aparo Giovanni Rimmaudo Salvatore Russotto
L´arresto di Giovanni Rimmaudo L´arresto di Salvatore Russotto La conferenza stampa, da sx Artioli, Gesualdo, Toscano e Macrì