Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:44 - Lettori online 860
RAGUSA - 03/09/2010
Cronache - Ragusa: i controlli della polizia provinciale

Caccia: 61enne di Acate denunciato perchè abusivo

Sono stati rinvenuti in un uliveto di contrada Mazzarronello-Piraino, territorio di Chiaramonte Gulfi, sparsi per tutto il terreno numerosi pezzi di carne fresca che si sospettano essere avvelenati
Foto CorrierediRagusa.it

Intensificati i servizi di vigilanza venatoria da parte della Polizia Provinciale al fine di prevenire il compimento di illeciti in materia di caccia ma soprattutto per far si che l’apertura della stagione venatoria, partita in Sicilia il primo settembre, anche se solo per alcune specie di uccelli quali tortore, merli e colombacci, avvenisse nel rispetto della legge.

A seguito dei controlli che hanno interessato decine di cacciatori, personale di Polizia Provinciale, coordinato dal comandante Raffaele Falconieri, ha sorpreso in contrada Piano Alcieri di Acate, P.T. 61 anni, di Acate, intento ad cacciare conigli oltre che in periodo non consentito, privo anche di valido porto d’armi. L´uomo è stato quindi deferito all’Autorità Giudiziaria per il presunto reato di porto abusivo d’arma e furto venatorio. Il fucile da caccia, le cartucce e i tre conigli appena abbattuti dal predetto cacciatore sono stati sottoposti a sequestro. Ad altri tre cacciatori sono state contestate altrettante infrazioni amministrative per alcune irregolarità quali la mancata annotazione sul tesserino venatorio dei dati di caccia.

I servizi di vigilanza venatoria erano già stati triplicati nell’ultima settimana di agosto per contrastare possibili fenomeni di bracconaggio o di caccia in periodo di assoluto silenzio. Durante uno di questi servizi sono stati rinvenuti in un uliveto di contrada Mazzarronello-Piraino, territorio di Chiaramonte Gulfi, sparsi per tutto il terreno numerosi pezzi di carne fresca che si sospettano essere avvelenati.

In attesa dell’esito delle analisi di laboratorio cui sono stati sottoposti i bocconi, si sta intanto vagliando la posizione di un pensionato chiaramontano, la cui presenza è certa nel fondo anzidetto poche ore prima del rinvenimento dei pezzi di carne che si sospettano avvelenati. In occasione dell’apertura della stagione venatoria particolare attenzione è stata prestata a quelle zone rurali dove notoriamente maggiore è la pressione venatoria, ubicate soprattutto nel territorio chiaramontano, nell’acatese o nei pressi delle due Riserve Naturali nonché della zona archeologica di Camarina.