Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:18 - Lettori online 1041
RAGUSA - 13/08/2010
Cronache - Ragusa: attimi di paura per una donna che rischia di annegare nei pressi della diga

Casalinga "miracolata" si salva da un volo di 30 metri

La signora, 56 anni, è stata trasportata in elisoccorso all’ospedale di Catania
Foto CorrierediRagusa.it

Il tremendo impatto con l’acqua e con i rami della fitta vegetazione sottostanti il ponte della diga di Santa Rosalia non l’hanno uccisa e lei si è allora aggrappata a quella vita che voleva buttare via, avvinghiandosi disperatamente a un pezzo di roccia vicino alla riva dell’invaso.

E’ l’incredibile disavventura di una casalinga disperata di 56 anni, giunta in auto in provincia di Ragusa da Palazzolo Acreide, nell’Aretuseo, dove risiede, con la precisa intenzione di farla finita. La donna si trova adesso ricoverata in prognosi riservata nel reparto di rianimazione del «Cannizzaro» di Catania . La 56enne ha parcheggiato l’auto nei pressi della diga, ha scavalcato il guardrail del ponte e si è buttata giù, compiendo un volo di oltre 30 metri prima si sbattere contro l’acqua e la vegetazione. Nonostante il comprensibile stordimento, la donna ha istintivamente cercato un appiglio, trovandolo nello spuntone roccioso, che l’ha salvata dall’annegamento.

E’ stato l’incredulo guardiano della diga ad assistere alla scena, chiamando subito i soccorsi. I primi ad arrivare sono stati i vigili del fuoco, che hanno tratto in salvo la donna, recuperandola con un canotto dallo spuntone roccioso alla quale si era aggrappata, a circa quattro metri dalla riva. La donna è stata subito condotta in elicottero all’ospedale del capoluogo etneo. Le condizioni cliniche sono gravi, ma la casalinga non sarebbe in pericolo di vita. Restano da accertare le motivazioni alla base dell’insano gesto.