Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:29 - Lettori online 803
RAGUSA - 12/08/2010
Cronache - Ragusa: anche nel territorio ibleo le conseguenze del fallimento del tour operator

Fallisce "I viaggi del ventaglio": 10 persone truffate

Niente vacanza nonostante il pagamento della quota

Dieci persone sono state truffate anche in provincia di Ragusa a causa del fallimento de «I Viaggi del Ventaglio», il tour operator che prometteva faville e che invece ha rifilato «patacche». Le dieci persone truffate, residenti in vari comuni della provincia iblea, dovevano partire per le vacanze da sogno, dopo aver pagato la relativa quota, ma sono dovuti invece giocoforza restare a casa, così come altre centinaia di persone truffate in Italia. E il Codacons, con un esposto presentato alle procure della repubblica di Roma e Milano, chiede di indagare in merito alla vicenda e di accertare le responsabilità e gli eventuali profili penali connessi, come quello di concorso in truffa aggravata.

Ma la sua richiesta è solo l’ultima di una serie: sono già centinaia, infatti, le denunce arrivate alla Procura di Milano da parte di piccoli creditori che si erano rivolti alla società turistica e che poi hanno visto annullare il proprio viaggio a causa della difficile situazione finanziaria in cui versa il gruppo.
I Viaggi del Ventaglio è stato dichiarato fallito dal tribunale di Milano venerdì 15 luglio, accogliendo la richiesta del pm Orsi. La società, attiva nel settore dei viaggi, era schiacciata da un buco di circa 200 milioni.

I debiti di natura commerciale verso i fornitori del Gruppo ammontavano a 140,1 milioni di euro. A questi si aggiungevano 3,3 milioni di debiti verso i dipendenti, 3,1 milioni di natura tributaria delle società italiane del gruppo e 1,2 delle società estere. I debiti di natura previdenziale delle sole società italiane erano pari a 4,3 milioni di euro.