Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:18 - Lettori online 845
POZZALLO - 19/02/2010
Cronache - Pozzallo: l’automobilista è stato scoperto dalla Guardia di finanza

Professionista di Modica guida con assicurazione falsa

Il veicolo era sprovvisto di copertura assicurativa da circa due anni

Esponeva un tagliando assicurativo contraffatto ma si è imbattuto in un controllo dei militari del Nucleo Mobile della Tenenza della Guardia di Finanza di Pozzallo i quali hanno smascherato il trucco. Gli uomini delle Fiamme Gialle hanno fermato per un controllo la vettura di un 39enne professionista modicano, a bordo della sua autovettura di grossa cilindrata. Non appena i militari hanno visto il contrassegno si sono insospettiti: successivi controlli hanno poi dimostrato che i loro dubbi erano più che fondati. Sono stati effettuati, difatti, i dovuti accertamenti presso la compagnia assicurativa.

La società confermava che il veicolo era sprovvisto di copertura assicurativa da circa due anni. Il professionista veniva denunciato a piede libero alla Procura della Repubblica di Modica per ricettazione e falsità materiale commessa da privato. Contestualmente gli agenti hanno anche proceduto al sequestro amministrativo del mezzo (al fine della prescritta confisca). In base alla normativa entrata di recente in vigore, per il proprietario del mezzo, scatterà anche la sospensione della patente.

"Spostarsi con veicoli senza copertura assicurativa - fanno sapere dagli uffici della Guardia di Finanza di Ragusa - o peggio ancora con assicurazione falsa, comporta gravi conseguenze specie in caso di incidente stradale poiché non risulta alcuna tutela civile per i danni alle cose ed alle persone coinvolte. Oltretutto, i conducenti sforniti di tagliando assicurativo valido spesso omettono di fermarsi e prestare soccorso proprio perché consci dell’assenza della copertura assicurativa".